La Grande Rogazione

15 May 2010

Antica la tradizione delle rogazioni: peregrinazioni che propiziavano la fertilit della terra e labbondanza del raccolto, attraverso la benedizione del parroco di vigne, prati e campi. Esse si snodavano lungo il perimetro della parrocchia, nelle stradine che costeggiavano i campi coltivati e tutta la popolazione di fedeli accorreva allevento. Era usanza pregare e cantare antiche litanie e il Vangelo, guidati dagli stendardi, i gonfaloni e i crocifissi delle chiese, e al termine della processione ogni famiglia faceva dono alla chiesa di un pollo e riceveva in cambio un pane benedetto. La componente religiosa della celebrazione stata abolita dal Concilio Vaticano II, ad ogni modo ancora oggi la rogazione una festa che sopravvive in molte tradizioni paesane conservando il fascino dei secoli passati nel rapporto con la natura (tra laltro le rogazioni prima di diventare di tradizione mariana intorno al V sec. erano praticate anche nei riti pagani con il nome di ambarvali). In Veneto celebre la Grande Rogazione di Asiago che si tiene ogni anno nel giorno che precede lAscensione e che pure chiamata Il Giro del Mondo. Si svolge lungo larco della giornata intera dalle 6 alle 19, percorrendo oltre 30 km. La partenza della lunga processione avviene alle ore 6 dal sagrato del Duomo San Matteo. Nel XVII secolo la Grande Rogazione di Asiago diventata segno di ringraziamento per aver scampato la peste.
By Insidecom Editorial Staff