12 Mostra Internazionale di Architettura

Dal 29 agosto 2010 al 21 novembre 2010

La Biennale di Architettura 2010 avr luogo ai Giardini e allArsenale (oltre che in alcuni punti del centro storico di Venezia) dal 29 agosto al 21 novembre (inaugurazione 26, 27 e 28 agosto). Una manifestazione ricca di spunti e di novit che non mancher, come suo solito, di lasciare un profondo segno nei tempi. La direzione stata affidata per la prima volta a una donna, Kazuyo Sejima, la quale doppiamente importante perch, dopo molte edizioni affidate a storici e a critici, riporta finalmente anche il ruolo dellarchitetto al centro delle scelte espositive della mostra, nel nome della qualit. Gi da qui si capisce che la Biennale di Architettura 2010 avr un intento più pragmatico o quantomeno più volto ad ottenere risposte sul compito dellarchitettura oggi. La Sejima ha deciso di intitolare questa edizione People meet in architecture per avvicinare la societ e gli individui allarchitettura e contribuire ad uno scambio di relazioni fra loro. Pu larchitettura chiarire i nuovi valori e i nuovi stili di vita dellXXI secolo? Questa mostra ha spiegato Kazuyo Sejima sarà l'occasione per sperimentare le potenzialit dellarchitettura, per comprendere in che modo essa esprima nuovi modi di vivere, e per mostrare che il frutto di valori e approcci differenti. Dal canto suo il Presidente della Biennale Paolo Baratta ha spiegato che la scelta del nuovo direttore ricaduta su uno dei più eminenti nomi dellarchitettura degli anni Duemila che ha sviluppato un suo linguaggio ed una sua sensibilit stando a stretto contatto lavorativo con architetti di grande fama mondiale e che ha già alimentato una nuova generazione di maestri. Le parole più belle per descrivere il valore e lanimo di Kazuyo Sejima arrivano da uno dei suoi maestri, il celebre Toyo Ito il quale si esprime cos: un architetto che usa la massima semplicit per collegare il materiale e l'astratto. Si tenga presente che la Sejima ha ispirato le geometrie minimaliste dellarchitettura giapponese contemporanea. Altra cosa fondamentale della gestione della 12 Mostra Internazionale di Architettura, sottolinea il nuovo direttore, che sono previsti spazi indipendenti per ciascun architetto e per ciascun tema, nel senso che ciascun partecipante sarà il curatore di se stesso. I 54 paesi coinvolti progetteranno il proprio spazio pensando all'esperienza del visitatore, dando maggior risalto al concetto di spazio che a quello di oggetto. Parteciperanno alle esposizioni anche tecnici e artisti in quanto la loro collaborazione necessaria nella societ odierna.

I Sabati dellarchitettura chiamano in causa tutti i direttori delle precedenti edizioni per uno scambio che si propone proficuo e fertile, mentre il Progetto Universit vuole essere un momento formativo per gli studenti delle facolt di Architettura, Ingegneria, Design, Comunicazione e Sociologia e fornisce agli studenti la possibilità di sperimentare e incontrare larchitettura nonch di ottenere crediti formativi. In concomitanza con la mostra, sono previsti eventi collaterali di enti ed istituzioni internazionali in centro a Venezia.

A cura della redazione di Insidecom