54 Festival Internazionale di Musica Contemporanea

Dal 23 settembre 2010 al 02 ottobre 2010

Ha per titolo Don Giovanni e l'uom di sasso la terza Biennale Musica curata dal compositore Luca Francesconi. Nonostante la citazione classica, il 54 Festival Internazionale di Musica Contemporanea di Venezia ha tutti gli elementi della novit, una kermesse insomma perfettamente in linea con lo spirito altamente innovativo e sempre alla ricerca del suo direttore. Fra l'altro proprio quell'uom di sasso che fa seguito al celebre personaggio mozartiano e che allude al Commendatore - il Signore di Siviglia e padre di Donna Anna che Don Giovanni uccide a inizio libretto e che poi torner in forma di statua per punirlo - offre varie chiavi di lettura al festival, tra cui quella del passato che torna a chiedere conto al presente e più in generale il tema del conflitto. In programma dal 23 settembre al 2 ottobre, la Biennale Musica di Venezia (con 27 prime assolute su 31 appuntamenti) chiama a raccolta realt emergenti sconosciute e prestigiose orchestre nazionali ed internazionali in un'ottica di assoluta modernit: l'apertura a Palazzo Pisani con l'opera Don Giovanni a Venezia, che vede la composizione di otto nuove parti scritte dai giovani del Conservatorio di Venezia insieme all'Orchestra della Fenice e per la quale sono state previste installazioni video e vari espedienti scenici sperimentali, come la dislocazione nei cortili, nelle logge e nelle sale dell'eidifico, ne forse il migliore esempio. Il 26 settembre al Teatro delle Tese c' invece Extempore che riunisce limprovvisatore Evan Parker con Cino Longobardi al piano e lalea di cinque riscritture per la "Serenata per un satellite" di Bruno Maderna. Nell'incontro di linguaggi tanto diversi c' sicuramente l'intenzione di estendere gli eventi ad un pubblico che non sia soltanto di nicchia: saranno infatti previste anche performance non prettamente accademiche ma di chiara ispirazione popular.

L'ambito riconoscimento del Leone d'oro alla carriera andr quest'anno al compositore tedesco Wolfgang Rihm, autore tra i più eseguiti in patria e allestero, la cui musica sempre radicata nella materia del suono, nella forza ritmica e armonica, con una lucida organizzazione formale.

A cura della redazione di Insidecom