Lucio Dalla - Francesco De Gregori - Work In Progress Tour

02 ottobre 2010

Tra i vari tour celebrativi questo sicuramente uno di quelli destinati ad emozionare maggiormente il pubblico italiano. Stiamo parlando di un sodalizio artistico che allorigine durato appena il tempo di unestate, quella del 1979, ma che mai stato dimenticato grazie ad uno storico album dal vivo capace di raccontarne la magia anche alle generazioni successive. Due icone della musica italiana con tanta voglia di vivere il palco e trasmettere freschezza ed energia, combinando i propri talenti in improvvisate performance che oggi sono dei pezzi di accademia della canzone: nel 1979 le rispettive carriere erano ancora molto giovani se si pensa a quanti altri successi avrebbero entrambi firmato nei decenni successivi, eppure la scaletta traboccava già di titoli che sono rimasti negli anni come vere e proprie pietre miliari. 30 anni dopo quellindimenticabile Banana Republic, Lucio Dalla e Francesco De Gregori compiono nuovamente limpresa e partono in tour con uno spettacolo intenso e sorprendente fatto di divertissement, arte e una carrellata di ottima musica.

Lappuntamento veneto con il Work In Progress Tour, nome che richiama lestemporaneit degli esordi della coppia, previsto il 2 ottobre al Palafabris di Padova.

Fra Dalla e De Gregori regna un clima di simbiosi a cui non si più abituati, i due si alternano cantando una strofa ciascuno e suonando luno per laltro. La band praticamente formata dai fedeli musicisti di Dalla e da quelli di De Gregori.

Tra i successi che verranno eseguiti, Come fanno i marinai, I matti, Canzone, Anna e Marco, Santa Lucia, Lanno che verr, Come profondo il mare, Buonanotte fiorellino, Viva lItalia e Piazza Grande. E ci sarà anche lo spazio per raccontarsi: infatti Dalla e De Gregori insieme paiono più disposti a parlare di quando si presentano sul palco da soli. Un'occasione preziosa quindi per ascoltare gustosi aneddoti sulla storia della musica italiana.

Si tratta comunque di un imperdibile concerto in cui la musica a farla da padrona e dove la vocazione jazz di Dalla si sposa perfettamente al tono folk dilanyano di De Gregori, trasformando ogni pezzo in una specie di sorpresa.

A cura della redazione di Insidecom