'Mondo Novo' all'Espace Louis Vuitton di Venezia

Le vedute d'ottica & Olafur Eliasson

Dal 19 dicembre 2014 al 27 aprile 2015

A Venezia, le mostre in corso possono vantare 'Mondo Novo: le vedute d'ottica & Olafur Eliasson', a cura di Carlo Montanaro (Venezia, 1946), in esposizione presso l'Espace Louis Vitton di Venezia, a pochi passi da Piazza San Marco, fino al 26 aprile 2015.

La macchina disegnata da Carlo Goldoni, 'Mondo Novo', è stata realizzata nel XVIII secolo ed è nota come phantoscope: si tratta di uno strumento di proiezione per immagini e film, prototipo del successivo proiettore, che veniva utilizzato durante le feste popolari e religiose come mezzo di intrattenimento. A differenza della Lanterna Magica - che filtrando la luce di una candela dava vita a pezzi di vetro colorati, ma poteva essere utilizzata solo al buio - il 'Mondo Novo' poteva essere utilizzato anche all'aperto, e quindi utilizzando la luce del sole. Quest'invenzione ha rappresentato una novità assoluta per l'epoca, tanto che diversi artisti l'hanno utilizzata come soggetto nelle proprie opere. Famoso è l'affresco di Giandomenico Tiepolo 'Mondo Novo' (Venezia, attualmente ospitato a Ca' Rezzonico), che documenta gli svaghi popolari del Settecento.

Sia la Lanterna Magica che il 'Mondo Novo' servivano prevalentemente a divulgare e condividere visioni naturali che, in quei secoli, apparivano sempre più frequentemente: vi erano infatti alcuni stampatori che, prendendo spunto dal classico vedutismo e da artisti come Canaletto e Guardi, riproducevano tramite acqueforti vedute del mondo a molti ancora sconosciute, chiamate appunto vue d'optique. Grazie alla cassa per la visione, e all'utilizzo di vetrini e cartoncini colorati, la prospettiva di queste acqueforti veniva poi amplificata attribuendo molteplici effetti alle immagini proiettate.

Tra le mostre in corso a Venezia 'Mondo Novo. Le vedute d'ottica e Olafur Eliasson', Espace Louis Vuitton, espone diverse stampe prodotte dalla tipografia Remondini - specializzata in creazioni di questo genere ed unica in Italia a realizzare tali 'vue d'optique', racconti di paesaggi urbani - oggi parte della collezione del Museo Correr e restaurate da Louis Vuitton in collaborazione con la Fondazione MUVE.

Nel percorso espositivo di questa originale mostra a Venezia, Olafur Eliasson, artista danese contemporaneo di fama mondiale, dialoga con queste raffinate vedute: vue d'optique e l'antica cassa per la visione, anche questa appartenente alla collezione del Museo Correr, vengono messe a confronto con 'Your Star House', installazione caleidoscopica d'avanguardia realizzata dall'artista danese nel 2011. L'affascinante installazione di Olafur Eliasson è una rivisitazione contemporanea dei tesori ottici del XVII secolo, composta da tre ampi ed irregolari pannelli di vetro, posizionati l'uno sopra l'altro e sostenuti da un'impalcatura, che ricreano l'effetto del caleidoscopio.

L'apertura triangolare posta alla sommità di questa inedita installazione viene moltiplicata all'infinito dagli specchi creando la forma di una stella le cui dimensioni aumentano o diminuiscono quando lo spettatore si avvicina e si allontana dall'installazione. Il riflesso caleidoscopico della propria immagine, unito ala figura della stella, avranno sui visitatori della mostra a Venezia, Espace Louis Vuitton, un effetto davvero magico e sorprendente! La particolarità della creazione di Olafur Eliasson in mostra Venezia, così come quella del caleidoscopio vero e proprio, è che, per merito delle combinazioni tra luci e colori, non si avranno mai due immagini perfettamente uguali tra loro.

Tra le mostre a Venezia 2015, 'Mondo Novo: le vedute d'ottica & Olafur Eliasson' si preannuncia davvero da non perdere! L'Espace Louis Vuitton di Venezia mostra varie opere, diverse tra loro per fattura ed utilizzo, che concorrono a dare un'idea dei modi di vedere il mondo nelle diverse epoche.

Oltre alla particolarità del tema trattato, è una delle rare mostre a Venezia gratis di questo periodo, motivo in più per fare un salto all'Espace Louis Vuitton di Venezia!

OLAFUR ELIASSON OPERE PRINCIPALI

Nato nel 1967 in Danimarca, Olafur Eliasson vive e lavora tra Copenaghen e Berlino, partecipando fin dal 1997 a mostre internazionali.

Nel 2003 viene scelto per rappresentare la Danimarca alla 50° Biennale di Venezia e, sempre nello stesso anno, realizza l'installazione 'The weather project', oggi in esposizione al Tate Modern di Londra. Le opere di Olafur Eliasson esposte in luoghi pubblici sono veramente molte: il 'Green River' (varie location, tra cui Tokyo, Stoccolma e Los Angeles); il 'Serpentine Gallery Pavillon' a Londra; le 'New York City Waterfall', installate nell'estate del 2008 sulla battigia di Manhattan e Brooklyn.

Nel 2011 Olafur Eliasson ha presentato 'Your Rainbow Panorama', collocata sul tetto del Aros Museum ad Aarhus in Danimarca, e collaborato al progetto per l'Harpa Reykjavik Concert Hall and Conference Centre, per il quale vince il premio European Union prize for Contemporary Architecture Mies van der Rohe nel 2013.

In collaborazione con l'ingegnere Frederik Ottesen, Olafur Eliasson ha ideato e sviluppato il 'Little Sun', una piccola lampada in grado di funzionare nelle aree del mondo sprovviste di elettricità. Il lancio di Little Sun è avvenuto al Tate Modern Museum in occasione del Festival di Londra del 2012 ed è stato successivamente presentato in tutto il mondo.

Per la sua prima mostra personale al Museo danese Louisiana Museum of Modern Art, tuttora in corso, Eliasson ha riempito un intero lato della struttura con pietre e acqua per emulare un fiume tortuoso che scorre attraverso le rocce.

La mostra di Olafur Eliasson a Venezia, dal 19 dicembre 2014 al 26 aprile 2015, presenta la sua creazione futurista 'Your Star House' - che riproduce il meraviglioso effetto ottico del caleidoscopio - all'interno di 'Mondo Novo. Le vedute d'ottica e Olafur Eliasson' presso l'Espace Louis Vuitton di Venezia.

A cura della redazione di Insidecom