René Burri & Ferdinando Scianna alla Casa dei Tre Oci

'René Burri.Utopia' & 'Ferdinando Scianna. Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo'

Dal 26 agosto 2016 al 08 gennaio 2017

Prodotti acquistabili
Alloggi

La stagione espositiva autunnale in laguna si apre con una grande mostra fotografica a Venezia 2016! Dopo il successo della mostra dedicata ad Helmut Newton, conclusasi lo scorso 7 agosto, la Casa dei Tre Oci è pronta a ripartire con una doppia esposizione dedicata a due giganti della fotografia: 'René Burri. Utopia' e 'Ferdinando Scianna. Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo', due lavori diversi e sviluppati in totale autonomia, disposti seguendo un percorso lineare e coerente.

Dal 28 agosto 2016 all'8 gennaio 2017 le mostre fotografiche a Venezia si tingono dei colori della storica agenzia Magnum: René Burri (che ne è diventato anche presidente nel 1982) e Ferdinando Scianna, nella loro diversità, fanno parte di quella folta schiera di autori che hanno deciso di esprimere le loro visioni personali attraverso la macchina fotografica… La passione di Burri era documentare i grandi cambiamenti politici e sociali, Scianna, invece, preferisce provare a carpire 'istanti di senso e di forma' all'interno del flusso caotico dell'esistenza.

I progetti espostivi, molto diversi tra loro, sono legati a due grandi eventi/ricorrenze del 2016 veneziano: la mostra di Renè Burri a Venezia si collega idealmente alla Biennale Architettura 2016 aperta fino a fine novembre, mentre Ferdinando Scianna mostra a Venezia il 'suo' ghetto in un progetto inedito, realizzato proprio su commissione della Casa dei Tre Oci per commemorare i 500 anni della nascita del Ghetto Ebraico di Venezia.

Le splendide sale della Casa dei Tre Oci sull'isola della Giudecca, diventata ormai una sede espositiva consolidata e molto apprezzata, si aprono ad una delle più originali mostre fotografiche a Venezia 2016… Dalle 100 foto di René Burri, suddivise tra pianterreno e piano nobile del palazzo, fino alle 50 fotografie di Scianna che trovano posto al secondo piano. I visitatori di questa affascinante mostra di foto a Venezia 2016 potranno quindi approfondire la conoscenza di questi due indiscussi maestri della fotografia del Novecento lungo un percorso tutto da scoprire: da René Burri con le sue fotografie dedicate all'architettura e ai suoi protagonisti, fino a Ferdinando Scianna e il Ghetto di Venezia, in una serie di scatti originali.

 

'René Burri. Utopia' - in mostra alla Casa dei Tre Oci, Venezia - piano terra e piano nobile

Realizzata da Magnum Photos, in collaborazione con Civita Tre Venezie e curata da Michael Koetzle.

Per la prima volta il ricco corpus fotografico di Burri (Zurigo, 1933-2014) dedicato all'architettura viene riunito in una mostra a Venezia, Casa dei Tre Oci… Famosi edifici e ritratti di grandi architetti raccontano una concezione di architettura, vista come strumento politico e sociale, molto simile a quella di Alejandro Aravena, l'architetto sudamericano chiamato a curare la 15° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

Gli scatti del grande fotografo svizzero nascono da un bisogno di raccontare le trasformazioni e i cambiamenti storici, politici e culturali del XX secolo prestando particolare attenzione agli indiscussi protagonisti. Ai Tre Oci, Burri racconta la sua versione dell'architettura, concepita come un'operazione politica e sociale che impone una visione sul mondo… L'architettura lo affascina e lo spinge a spostarsi da un continente all'altro sulle orme dei maggiori architetti del Novecento: Le Corbusier, Oscar Niemeyer, Renzo Piano, Tadao Ando, Richard Meier… Nella mostra fotografica a Venezia 2016 le opere e i ritratti di questi grandi architetti vengono accostati a massimi eventi storici quali la caduta del muro di Berlino e le proteste in piazza Tienanmen a Pechino nella primavera del 1989.

 

'Ferdinando Scianna. Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo' - in mostra alla Casa dei Tre Oci, Venezia - secondo piano

Realizzata su incarico di Fondazione di Venezia appositamente per i Tre Oci, curata da Denis Curti.

Un inedito lavoro fotografico, realizzato proprio in occasione delle celebrazioni per il Cinquecentenario della fondazione del Ghetto Ebraico di Venezia, che raccoglie un affascinante spaccato della quotidianità del Ghetto di oggi tra ritratti, architettura, case e luoghi di preghiera. Ferdinando Scianna, mostra 2016, ci propone un reportage in pieno stile street photography che però non tralascia la dimensione storica, simbolica e rituale connessa a luoghi e gesti: chiese, ristoranti, campi e gondole sono descritti in modo semplice, e allo stesso tempo profondo, in una narrazione che unisce il presente alla memoria collettiva.

Il reportage per la Casa dei Tre Oci è stato fortemente voluto al fine di raccogliere una preziosa testimonianza sulla dimensione contemporanea del Ghetto, una sorta di ricognizione fotografica per documentare l'attualità del Ghetto Ebraico più antico d'Europa. Ospitata all'ultimo piano della Casa dei Tre Oci, la mostra di Ferdinando Scianna (Bagheria, 4 luglio 1943), ad oggi considerato uno dei più importanti fotografi italiani, è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano e inglese).

Denis Curti, curatore della mostra di Scianna ai Tre Oci, afferma che il fotografo 'ha saputo costruire un racconto delicato […]. Ha dato forma a una memoria collettiva elevando e distinguendo singole storie: se ne avverte la bellezza e la solennità. […] Il dolore mai urlato dell'Olocausto. Le pietre d'inciampo e i segni di una vicenda destinata a restare indelebile. […] Dentro queste fotografie ci si orienta. I punti cardinali si fanno abbraccio e segnano le linee di una confidenza visiva capace di entrare nei confini dell'intimità dei molti ritratti che compongono il complesso mosaico di questa esperienza: è il linguaggio degli affetti, è la grammatica dei corpi'.

 

Dal 26 agosto 2016 all'8 gennaio 2017 non perdete la nuova grande mostra alla Casa dei Tre Oci: due grandi protagonisti della fotografia del Novecento vanno a comporre una delle più interessanti mostre a Venezia degli ultimi anni!

'René Burri. Utopia' - a cura di Michael Koetzle

'Ferdinando Scianna. Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo' - a cura di Denis Curti

26 agosto 2016 - 8 gennaio 2017

Casa dei Tre Oci - Fondamenta delle Zitelle 43, Isola della Giudecca Venezia

 

Casa dei Tre Oci Venezia Come Arrivare

Trasporti pubblici a Venezia - Fermata Vaporetto: Zitelle

  • da piazzale Roma e dalla Ferrovia linea 4.1 - 2
  • da San Zaccaria linea 2 - 4.2

Orari mostra Burri Scianna ai Tre Oci

  • Tutti i giorni 10.00- 19.00
  • Chiuso martedì e il 25 dicembre
  • Aperture straordinarie: 1 novembre, 26 e 31 dicembre, 1 gennaio (dalle 14.00), 3 gennaio, 6 gennaio.

Biglietti 'René Burri. Utopia' & 'Ferdinando Scianna. Il Ghetto di Venezia 500 anni dopo'

  • Intero € 12,00
  • Ridotto € 10,00 (studenti under 26 anni, over 65, titolari di apposite convenzioni)
  • Ridotto speciale € 8,00 (solo per gruppi superiori alle 15 persone)
  • Ridotto famiglia €24,00 (2 adulti + 2 under 14)
  • Ridotto scuole €5,00
  • Gratuito: bambini fino a 6 anni, 1 accompagnatore per gruppo, disabili + accompagnatore, 2 insegnanti accompagnatori per classe, giornalisti con tessera, guide turistiche.
A cura della redazione di Insidecom