Itinerari in Veneto - Natura

Rovigo, Chioggia e Delta del Po

Storia e miracoli naturali tra mare e terra

Un viaggio dove anche la natura è arte. Dall'Alto Medioevo di “Rhodigium” alla “Piccola Venezia”, il cui ruggito nella storia è stato però tanto potente quanto quello del leone di San Marco della Serenissima, fino alla sintesi degli elementi nel Delta del Po: il Veneto che non avete ancora visto.

PRIMO GIORNO

Rovigo

La nostra gita comincia a Rovigo, nel cuore del Polesine.
Città “riservata” ed elegante, l’altomedievale “Rhodigium” esercita un fascino particolare nel visitatore: è qualcosa che ha a che fare sì con gli splendidi monumenti che custodisce, ma anche col fascino della natura “selvaggia” che la cinge, con quella nebbia di mistero che le si alza attorno tutto l’anno.
La prima tappa rimane di sicuro il castello con le due torri chiamate Donà (uno dei simboli della città) e Mozza, questa addirittura risalente al X secolo.
Spostandoci con calma a piedi si ammireranno poi le architetture del dominio veneziano nelle opere di Biagio Rossetti (Palazzo Roverella e Chiostro S. Bartolomeo) e di Michele Sanmicheli (Palazzo Roncale): costruzioni con cui Rovigo ha ulteriormente incrementato il proprio valore artistico.
La visita continua quindi all’Accademia dei Concordi (1580), sede della biblioteca e della pinacoteca dove è raccolta un’importantissima collezione di opere di pittori veneti e ferraresi dal ’400 al ’700 (G.B. Tiepolo, Piazzetta, Luca Giordano, Giovanni Bellini, Alessandro Longhi, Rosalba Carriera, Palma il Vecchio) e al Museo Civico che si trova all’interno del Monastero di S. Bartolomeo, esposizione di grande interesse sia archeologico che naturalistico.

SECONDO GIORNO

Chioggia

Conosciuta anche per il turismo balneare assai attrezzato della vicinissima Sottomarina (l’ex Clugia Minor), Chioggia, seconda città per grandezza della laguna, vanta eleganti architetture e preziosi cimeli di un passato glorioso vissuto al fianco di Venezia (città a cui somiglia non poco, anche se con carattere).
Chioggia è un borgo marinaro e d’arte da vivere passeggiando lungo le calli e i ponti, oppure soffermandosi al mercato del pesce (l’attività che ne tiene alto il nome di centro peschereccio per eccellenza del mare veneto).
Visiteremo il Duomo di Baldassarre Longhena, il Granaio, San Nicolò, San Domenico e il suo Carpaccio e Piazzetta Vigo con “El gato”: la colonna del XII secolo sormontata da un felino di San Marco assai particolare.
Per completare al meglio la gita è poi d’uopo il classico “cicheto” con l’“ombra” di vino guardando le barche colorate che sfilano sull’acqua.

TERZO GIORNO

Delta del Po

Concludiamo questo tour nel Delta del Po, vero e proprio prodigio della natura: una regione “anfibia” di enorme splendore che si estende su un’area di oltre 400 kmq e che rappresenta il più grande parco naturale italiano nonché la zona umida più estesa d’Europa.
Qui osserveremo rarissimi esemplari di flora e fauna e vedremo i tipici “casoni”, ossia le capanne dal grande camino che erano punto di riferimento per il pescatore e per il guardiano di valle, il tutto all’interno di un delicatissimo ecosistema composto di canali, paludi, lagune, canneti e banchi di sabbia.
Esploreremo il magico scenario di un mondo incontaminato.

A cura della redazione di Insidecom