Verona ovest: Bardolino e Valpolicella / Eat, drink & shop

Galleria

Azienda Agricola Bonazzi F.lli I.M.A.

Via Badin, 10 - 37020 Valgatara di Marano Valpolicella (Vr), tel +39 0457701454 - bonazzi.badin@tin.it

Da generazioni la famiglia Bonazzi si tramanda l'opera contadina della coltivazione della vite e vinificazione delle uve.

Da generazioni la famiglia Bonazzi si tramanda l'opera contadina della coltivazione della vite e vinificazione delle uve...

L'Azienda Agricola Fratelli Bonazzi F.lli I.M.A. è un'impresa a conduzione familiare, produttrice di ottimi vini classici d'annata. La cantina e i vigneti sono situati nel cuore della zona del Valpolicella Classico, in appezzamenti pedecollinari sostenuti dalle caratteristiche terrazze in muro a secco. Qui nascono i pregiati vini Valpolicella.

L'azienda, oltre che essere legata alle antiche tradizioni vinicole tramandate da tempo, è comunque sempre molto attenta alle innovazioni tecnologiche. I vigneti dell'Azienda Agricola Bonazzi sono situati sulle colline della Valpolicella Classica, dove il terreno è marnoso calcareo con vasti agglomerati tufacei. L'uva viene raccolta a mano e deposta in cassette di legno.

Dove passato e futuro si incontrano, l'Azienda Agricola Fratelli Bonazzi produce una serie di tre grandi vini classici, legati alla tradzione orgogliosa della propria terra ed alla profonda cultura della proprie gente. Per questo nella suggestiva cantina tra botti di rovere e piccole 'barriques' si possono trovare l'intramontabile Recioto della Valpolicella Classico, un raffinato Amarone Valpolicella Classico e il Valpolicella Classico. Gran parte dell'anima di questa zona risiede in queste tre eccellenze, di cui ciascuna si sposa magnificamente con prodotti tipici della cucina locale (dalle carni rosse e la cacciagione fino alla pasticceria e la frutta).

Provare i vini Valpolicella è un'esperienza impagabile! Venite a degustare il Recioto della Valpolicella Classico, l'Amarone Valpolicella Classico e il Valpolicella Classico e capirete l'anima del territorio.

La storia

 

La Granduchessa russa Anastasia visse presso la nostra famiglia in Corte Bonazzi, dall'ottobre '41 al giugno '43 usando il cognome del marito Lombard. Per cause belliche e socio politiche, dopo lo sterminio della sua famiglia - lo Zar Nicola II, la madre e quattro suoi fratelli - oltre alla sua identità e le speranze politiche, pur con due figli, Anastasia perse anche il sorriso. Invitata talvolta alla mensa della nostra famiglia, solo per lei si stappava il Recioto Bianco (ora passito veronese): era il suo preferito, l'unica cosa che riuscisse a strapparle un piccolo sorriso. Questo nobile nome, Granduchessa, è nato da questo tenero ricordo.

I vini da non perdere:

  • Gran Duchessa Veronese: Valpolicella Classica (nord di Verona). Varietà delle uve: Garganega, 'Castelli romani', Malvasia e Tocai friulano. Colore giallo paglierino carico, profumo caratteristico del passito fruttato, fine e piacevolmente aromatico, ricorda l'acacia e il biancospino. Gradazione: 13% vol.
  • Reciotto Della Valpolicella Classico: Valpolicella Classica (nord di Verona). Varietà delle uve: Rondinella 30%, Corvina 60%, Molinara 10%. Colore rosso rubino carico, profumo intenso e fruttato, sapore dolce e armonioso, con sentori di rose. Servizio: 16°/18°C in appositi bicchieri (Tulipano). Gradazione: 13% vol.
  • Amarone della Valpolicella Classico: Valpolicella Classica. Varietà delle uve: Rondinella 30%, Corvina 60%, Corvinone10%. Colore rosso granato brillante, profumo vinoso e intenso. Servizio: 16°/18°C in appositi bicchieri (Ballon). Gradazione: 15.5% vol.
  • Valpolicella Classico: Valpolicella Classica (nord di Verona). Varietà delle uve: Rondinella 30%, Corvina 50%, Corvinone 10%, Molinara e Croatina 10%. Colore rosso rubino intenso, profumo vinoso. Servizio: 15°/18°C. Gradazione: 12.5% vol.