Laghi del Cadore e dell’Agordino

Galleria

Si tratta di luoghi magici dove è convogliato tutto lo splendore della natura circostante.

I piccoli grandi laghi del Cadore e dell’Agordino sono molto più che semplici specchi d’acqua proprio per la bellezza della cornice, portata al centro del quadro e arricchita di riflessi incantatori: guardandovi dentro si noterà che terra, acqua e cielo vivono armoniosamente sulla stessa superficie impalpabile, mentre guardandosi attorno si verrà inevitabilmente catturati da un senso di eterno.

Il Cadore con le sue celebrità montuose e i suoi miracoli naturali ha negli specchi d’acqua un’ulteriore ricchezza, testimonianza dell’ultima glaciazione di 20.000 anni fa. I più noti a livello turistico sono il Lago di Misurina (il suo maggiore bacino naturale detto 'la perla del Cadore'), il Lago di Pieve di Cadore e il Lago di Auronzo, ma ogni laghetto e corso d’acqua di questa terra possiede qualcosa di unico come fascino e valore.

Il paese di Misurina, allegramente sparso lungo le rive del lago, è magnifico in ogni stagione, tuttavia in inverno sulla ghiacciata del lago presenta un’attrattiva in più, dal momento che vi si disputano i campionati internazionali di Polo. Ha poi l’unico centro per la cura dell’asma infantile in quota.

Pieve di Cadore aggiunge al valore delle sue rinomate acque, un patrimonio storico, artistico, culturale degno di pochi altri centri. Per prima cosa va detto che il paese diede i natali al più grande pittore italiano del Rinascimento: Tiziano. Poi il Palazzo della Magnifica Comunità di Cadore (sede nel XIV secolo della feudalità locale e oggi museo archeologico), la chiesa di Santa Maria Nascente (XI sec.), i palazzi storici, la piazza, i resti di un’antica casa romana del II secolo d.C e la casa del Tiziano parlano da sé.

Il Lago di Auronzo, definito 'la spiaggia delle Dolomiti', è attrezzatissimo per gli sport e ospita importanti gare di motonautica e canoa.

Particolarmente adatto agli sport è anche il Lago di Alleghe, nell’Agordino, a sud della Marmolada. Questo specchio d’acqua risale al 1771, originato da una frana del Monte Piz. Oggi vi si praticano la pesca sportiva, il windsurf, la canoa, la vela, o si può semplicemente noleggiare una barca per un momento di relax al centro di questo paradiso.