Sottomarina e Isolaverde

Galleria

La storica Chioggia completa la sua offerta turistica con una stazione balneare come Sottomarina, adatta tanto alle famiglie quanto a chi è in cerca di divertimento e occasioni sportive.

Si tratta del tratto litoraneo più meridionale della laguna dove un tempo sorgeva Cludia Minor, completamente rasa al suolo nel 1379 durante la Guerra di Chioggia. Pochissimo del suo passato è oggi visibile nel centro storico, vale tuttavia la pena di fare un giro tra le calli comprese fra via San Marco e il Lungomare Adriatico per osservare i tre capitei.

Il suo terreno, anticamente incolto e coperto da selva, si è dimostrato a partire dall'Alto Medioevo ottimale per la coltura degli ortaggi: ciò avviene ancora oggi nella frazione di Isolaverde, zona compresa tra le foci del Brenta e quelle dell'Adige che offre anche un turismo a stretto contatto con la natura e percorsi ciclistici particolarmente suggestivi.

Per quanto la sua fortuna di località balneare sia iniziata solamente nel secondo dopoguerra, il primo stabilimento fu edificato nel 1892 per opera del medico Francesco Boscolo. Tra il 1763 e il 1770 inoltre a Sottomarina vennero costruiti i Murazzi a difesa di tutto il litorale.

La spiaggia di Sottomarina ha diversi pregi: innanzitutto è lunga 10 km e in alcuni punti la profondità raggiunge i 300 m, ma a fare la differenza è senza dubbio l'alto concentrato minerale presente nella sabbia. Augite, quarzo, silicati e mica, complice la delicata brezza che spira regolarmente, consentono una rapida e duratura abbronzatura oltre che sabbiature curative ed ulteriori impieghi.

Tantissimi gli sport praticabili, da quelli acquatici e nautici (windsurf, canoa ecc.) fino a calcio, volley, tennis ed equitazione, tutti supportati da strutture nuove ed efficienti. Non mancano le gare, le occasioni culturali, gli spettacoli pirotecnici, i locali alla moda ed ogni tipo di ricettività: dagli alberghi ai campeggi. Il miglior pesce (grande è la fama del mercato di Chioggia) e le più squisite verdure di campo suggeriscono pure di gustare ottimi piatti locali.