Civetta Comprensorio

Galleria

Il Monte Civetta è uno spettacolo di forme e grandezza che s’impone sul paesaggio dolomitico veneto nonché il bastione di roccia che dà vita al comprensorio sciistico Civetta: il più importante carosello di discese della regione.

Che l’origine del nome di questo massiccio sia legata ad antiche superstizioni oppure alle similitudini del suo profilo con quello del rapace notturno - verrebbe comunque da pensare più a un’aquila reale viste le dimensioni - poco conta: nelle Dolomiti oggi dire Civetta significa soltanto maestosità, natura, sport, divertimento, soggiorni e relax, il tutto moltiplicato per quattro come il numero delle stagioni. Inverno oppure estate non esiste difatti periodo dell’anno in cui le attività sportive, di svago, di gusto e culturali vadano in 'letargo'. Qui le vacanze sono a ciclo continuo per 365 giorni, basta decidersi a venire e non mancherà mai il modo ideale di trascorrere il miglior tempo e di assaporare appieno la montagna, con le sue bellezze infinite, i suoi segreti e l’aria limpida e pura: passare le vacanze sul Monte Civetta significa tutto questo.

Il Monte Civetta, solenne e misterioso, è appunto il simbolo del Comprensorio Civetta che unisce la Val Zoldana, la Val Fiorentina e l’Agordino. Il gruppo montuoso fa da cornice al paese di Alleghe e al suo splendido laghetto e vanta un’altezza di 3218 m, oltre (a nord-ovest) alla cosiddetta - dagli alpinisti - 'parete delle pareti': una parete verticale di roccia che supera i 1000 m di altezza e i 4 km di lunghezza, sulla quale sfilano itinerari e vie mozzafiato da percorrere: i primi alberghi in zona comparvero proprio per ospitare i soggiorni di alpinisti provenienti da tutto il mondo. Il comprensorio sciistico Civetta raccoglie alcuni paesini dal fascino romantico, piccoli centri quali il già citato Alleghe, Colle Santa Lucia, Forno di Zoldo, Zoldo Alto, San Tomaso Agordino e Selva di Cadore, splendidi da visitare sia in inverno che in estate.

Tutte le località citate seguono strettamente i dettami della tradizione montana e sono emozionanti da vivere insieme ai loro costumi alquanto caratteristici. E tutti sono immersi in un piccolo grande mondo fatto di valli, boschi incantati e massicci che toccano il cielo, il luogo ideale per vacanze invernali o estive in cui rilassarsi e fare attività.

Nei mesi invernali piste da sci per ogni livello (tutte sempre perfettamente innevate) collegano le tre valli che circondano lo Ski Civetta. Nel comprensorio vi sono pure piste di discesa e di fondo illuminate (Pecol). In totale si contano 46 piste (per un totale di 82 km) e 26 impianti di risalita, tra cabinovie, seggiovie e skilift. Il territorio è provvisto di ben due stadi del ghiaccio e svariati sono gli sport praticabili, anche nelle giornate estive: dal trekking a cavallo alla bicicletta (sia da strada che mountain bike), passando per il volo libero. Un’esperienza da provare è quella del Giro sciistico della Grande Guerra che consente di ammirare postazioni, gallerie e feritoie costruite dai soldati di entrambi i fronti attorno al Col di Lana, luogo simbolo della guerra 1915 – 1918.

Ottime le strutture ricettive della zona, affascinanti le sagre, i mercati e la presenza dei Ladini - una delle minoranze etniche italiane - tutti ottimi motivi per passare le vacanze sul Monte Civetta!