Cortina Comprensorio / Località

Galleria

Cortina d'Ampezzo

Se si dice Dolomiti si dice anche Cortina d’Ampezzo, la località che detiene lo scettro del turismo di montagna, meta di villeggiatura d’alta quota sognata in tutto il mondo.

Il comprensorio Cortina d'Ampezzo consente viste mirabolanti, la migliore pratica degli sport invernali e il più soddisfacente escursionismo, sia in estate che in inverno. Situata nel favoloso anfiteatro dolomitico costituito dalle cime delle Tofane, del Cristallo e del Sorapis (le montagne Cortina d'Ampezzo), la cittadina sorge alla sinistra del fiume Boite, un affluente del Piave, in una conca soleggiata di grande fascino naturale, vegliata dalle montagne Cortina d'Ampezzo.

Cortina deve la sua fama in particolar modo alle Olimpiadi Invernali che ospitò nel 1956, l’occasione giusta per adeguare strutture e impianti alla massiccia richiesta nazionale ed estera che di lì a poco sarebbe giunta ininterrotta, per soggiorni invernali e vacanze estive di grande charme.

Oltre l’aspetto mitologico che si è creato attorno al luogo, Cortina è sicuramente ai massimi livelli per tutto ciò che concerne gli sport invernali: un moderno sistema di impianti di risalita che permette di usufruire di oltre 110 km di percorsi per lo sci da discesa, scuole altamente qualificate per l’insegnamento di ogni disciplina sciistica, strutture per importanti manifestazioni sportive come lo stadio olimpico del ghiaccio, la pista olimpica di bob, il trampolino olimpico, piste di pattinaggio e di velocità e altro ancora.

Tanto d'inverno quanto d'estate la città comunque non conosce soste nel suo offrire occasioni di grande interesse per soggiorni e vacanze: sono anche ormai tradizionali infatti varie rassegne di carattere culturale quali mostre, gallerie d’arte, premi letterari e giornalistici e presentazioni di libri. Corso Italia è poi una passeggiata sempre alla moda attraverso le boutique più esclusive: è possibile darsi a certi irresistibili svaghi anche dopo una bella sciata nel comprensorio Cortina d'Ampezzo oppure durante le giornate estive fra un'escursione e un'occasione culturale.

Le Dolomiti si chiamano così dal nome del geologo che per primo ne studiò la composizione: il francese Déodat de Gratet Dolomieu (1750 - 1801) a cui è stato dedicato pure un monumento dalla città di Cortina nel 1958. A protezione dell’area sono stati istitutiti due parchi nazionali, uno nazionale - il Parco delle Dolomiti Bellunesi, che comprende le Vette Feltrine, i Monti del Sole, lo Schiara, il Talvena e il Prampér - e uno regionale, il Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, coi massicci del Cristallo, delle Tofane e della Croda Rossa.