Parco dei Colli Euganei

Galleria

I Colli Euganei, i maggiori rilievi collinari della Pianura Padana, crescono isolati a sud-ovest di Padova e hanno il loro picco nel Monte Venda, che raggiunge i 601 m di altezza. Il Parco Regionale dei Colli Euganei è stato istituito nel 1989, si estende su una superficie di 18700 ettari e comprende 15 comuni sparsi tra la regione collinare e l'area termale euganea.

Le ricchezze della zona sono tante e di varia natura: da quelle di carattere naturalistico e 'paesaggistico' a quelle legate alla storia, all'arte e agli aspetti socioeconomici. Oltre 200 percorsi da compiere a piedi o in bici, forniti di efficace segnaletica, guideranno il turista alla scoperta di un intero mondo in cui uomo e natura si integrano fin dalla notte dei tempi. Un'escursione nel parco infatti non è fatta di sola natura e può attraversare anche siti archeologici, rocche e castelli medievali, abbazie e pievi secolari, passando per ville e giardini della 'civiltà di villa' (sorta ai tempi della Repubblica Serenissima) e antichi rustici.

Il territorio (essendo tra l'altro l'epicentro della civiltà paleoveneta) contempla pure testimonianze più antiche, a partire dal Paleolitico, tuttavia in ciò che è visibile a cielo aperto la 'parte del leone' la fanno l'epoca romana, il Medioevo e il Rinascimento. Ma a completare il quadro sono la natura rigogliosa, i frutti dell'agricoltura, la tradizione del benessere termale, la cultura dell'ospitalità e centri d'arte con tutto ciò che serve per la migliore accoglienza del visitatore.

Gli esemplari naturali che ivi si incontrano passano dai castagni alle querce, dalle verdi distese ai prati con orchidee colorate. Sulle colline poi si susseguono ulivi e viti che producono ottimi vini. La fauna tipica è formata da piccoli mammiferi insettivori come il riccio, la talpa, il topo ragno e da roditori quali il ghiro e il moscardino.

Da vedere assoutamente: il Castello del Catajo a Battaglia Terme, il Castello Cini a Monselice, Villa Vescovi a Luvigliano, il giardino di Villa Barbarigo a Galzignano Terme, l'Abbazia di Praglia e il Museo Geopaleontologico di Cava Bomba a Cinto Euganeo.