Parco del fiume Sile

Galleria

Fondato nel 1991, il Parco Naturale del Fiume Sile misura complessivamente 3000 ettari ed è caratterizzato dalla copiosità di risorgive nonché dalla ricchezza boschiva del territorio circostante. Il fiume Sile nasce a Vedelago (Tv) e compie un percorso di 95 km che lo porta a sfociare prima nella laguna di Venezia ed infine nel Mare Adriatico: si tratta del fiume di risorgiva più lungo d'Europa.

Il Parco Naturale del Sile sorge proprio qui lungo il tracciato di questo unico e particolare fiume di risorgiva ed è ricco di fontanili, piccoli laghi, paludi e boschi, ma pure di ville nobiliari, mulini - Treviso di fatto era soprannominata il 'Granaio della Repubblica' - e fornaci a testimonianza della presenza e delle opere idrauliche che la Serenissima realizzò fra XV e XVIII secolo (ma sono stati rinvenuti anche reperti di un'importante cultura palafitticola).

A partire dalle sorgenti fino ad arrivare all'Oasi di Cervara troviamo un ecosistema unico che conta numerosi piccoli animali ma anche piante acquatiche, canneti, arbusti ed anche vegetazione forestale: luogo ideale per respirare la natura godendosi una passeggiata lungo gli argini o un'escursione in barca.

Il primo tratto del del fiume, sopra Treviso, è quello più interessante sotto l'aspetto naturalistico perché vi si evidenzia il fenomeno delle risorgive, poi cambia ed è possibile percorrere le rive tramite percorsi ciclabili. Procedendo verso il mare, si trovano ex cave trasformate in laghetti e ambienti creati ad hoc dove si possono ammirare numerose specie di uccelli acquatici, poi in località Portegrandi il Sile si confonde con le acque della laguna.

Le tappe obbligatorie: le risorgive tra Casacorba e Torreselle, i fontanili, laghetti, aree paludose, pianure torbose, l'oasi di Santa Cristina, Villa Barbaro-Battaglia a Silea, Villa Cervellini a Cedon, Villa Mantovani, Villa Dall'Aglio-Gabbianelli a Lughignano e il Mulino Cervara.