Belluno / Visita Belluno

Galleria

Belluno rappresenta il cuore di una vasta regione a carattere montuoso, compresa fra Trentino-Alto Adige/Südtirol, Austria e Friuli e attraversata dal Piave e i suoi affluenti.

Di fondazione paleoveneta, diviene municipio romano nel II secolo a.C. con le conseguenti importanti opere di sistemazione urbana e di edificazione che ne identificano ancora oggi gli assi principali - ma anche qui nome e origine sono da ricondurre ai Celti: da belo-dunum che significa città splendente.

Col lento disgregarsi dell’Impero Romano d’Occidente, è soggetta alle dominazioni longobarda (IV sec.) e franca (VIII sec.) per trasformarsi poi nel X secolo in un feudo vescovile. Contesa dalle signorie, a partire dal 1404 entra a far parte volontariamente dei possedimenti veneziani, arricchendo in breve tempo l’urbanistica medievale e l’architettura coi palazzi gotico-rinascimentali tipici della Repubblica Serenissima (Palazzo dei Rettori) e di cui la cosiddetta Città Vecchia, molto suggestiva per la collocazione sopra un’alta sporgenza di roccia all’incontro del Piave con l’Ardo, è costellata.

Imprescindibile per il visitatore sono: la chiesa di S. Stefano e il Duomo di Tullio Lombardo, costruito agli inizi del XVI secolo, con un campanile di 69 metri disegnato da Filippo Juvara che è considerato una delle più rappresentative torri d’orologio del periodo barocco in Italia. Raccoglie opere d’arte di Jacopo Bassano, Palma il Giovane e Andrea Brustolon, il famoso scultore ed intagliatore bellunese. Anche al Museo Civico è possibile ammirare opere di Jacopo da Montagna, Bartolomeo Montagna, Andrea Brustolon, Andrea Solario, Sebastiano e Marco Ricci e Fra Galgario.