Treviso / Dintorni

Galleria

Castelfranco Veneto

Il Medioevo di Castelfranco Veneto è imponente, solenne, davvero ben mantenuto. Le sue mura vennero edificate sul finire del XII secolo nel momento di massima tensione con la città rivale di Padova (che a sua volta rispose innalzando Cittadella).

L'impianto urbano è costruito sui due assi perpendicolari che s'incontrano al centro della città: tutt'attorno un quadrilatero molto alto fatto di mattoni rossi, costellato da cinque torri e costruito sopra un preesistente terrapieno. Il borgo fortificato nacque dunque in un punto strategico fra Vicenza, Treviso, Padova e Bassano e l'amministrazione trevigiana per stimolarne il popolamento, a fini difensivi, ordinò di dispensare gli abitanti dal pagamento delle imposte: da qui il nome di 'Castrum Francum'.

Castelfranco è particolarmente nota per aver dato i natali a Giorgio Zorzi detto il Giorgione, sembra, per una certa robustezza fisica, ma non è da escludere che l'epiteto sia da intendersi anche come grandezza d'animo. La sua pittura enigmatica, allegorica, con quei giochi di luce e di colore 'impossibili', o meglio possibili solo a lui, ed inquietanti ne fanno uno degli artisti più importanti del XV secolo.

E se il suo capolavoro rimane senza ombra di dubbio 'La Tempesta', conservato nei Musei dell'Accademia a Venezia, la sua città natale ha comunque il possesso di preziosissime opere: la famosissima Pala del Duomo raffigurante una 'Madonna con il Bambino in trono e i Ss. Francesco e Liberale', da poco restaurata, e i misteriosi affreschi di casa Pellizzari, che secondo la tradizione fu la dimora dell'artista.

Dentro le mura, la Piazza intitolata al Giorgione è il centro di tutto. Sicuramente da visitare è il Duomo del XVIII secolo realizzato su progetto di Francesco Maria Preti: all'interno, opere di Paolo Veronese, Jacopo Bassano, Paolo Piazza e molti altri artisti di scuola veneta.