Venezia / Zone & Sestieri

Galleria

Cannaregio

L’etimologia del sestiere è incerta, in quanto il termine 'Cannaregio' può riferirsi tanto al fatto che questa fosse un’area ricoperta da canneti, quanto al ruolo fondamentale che rivestiva nel collegamento con la terraferma tramite il canale che unisce il Canal Grande alla laguna: per questo motivo forse definito 'Canal Regio'.

Fatto sta che il sestiere Cannaregio a Venezia rappresenta uno dei sestieri più grandi della città, il più settentrionale e anche quello più popolato insieme a Castello (vi risiede oltre un terzo della popolazione cittadina). È sempre stato contraddistinto da due 'anime' nettamente distinte, ma allo stesso tempo in armonia tra loro: una popolare e l’altra gentilizia.

La parte nobiliare di Cannaregio è per lo più quella che si affaccia sul Canal Grande e che annovera alcuni tra i palazzi più antichi e fastosi di Venezia (come Ca’ Vendramin Calergi), mentre la zona 'del popolo' si sviluppa all’interno intersecando le due vie principali per il turismo, la Lista di Spagna e la Strada Nova, conosciuta oggi quale tragitto che dalla stazione conduce a Rialto.

Il sestiere Cannaregio a Venezia però è noto pure per la presenza del ghetto più antico del mondo, dove dal 1516 vennero confinati gli ebrei della città. Il quartiere, che ha mantenuto intatti i propri connotati etnici, risulta coi suoi alti palazzi, le due sinagoghe e i tipici negozi, tra le maggiori attrattive del territorio.

Uscendo dal flusso di gente diretto a Rialto e San Marco si possono ammirare incantevoli, nella loro dimenticata semplicità, scorci di vita quotidiana, quali case stinte dal sole con panni ad asciugare alle finestre, inframmezzati da monumenti religiosi e campi particolari, fra cui vanno citati: Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, Chiesa della Madonna dell’Orto (contiene le opere più belle del Tintoretto), Campo dei Mori (con le antiche statue dei 'mori' contornate da turbanti). Un discorso a parte merita Ca’ d’Oro, considerato uno dei più bei palazzi sul Canal Grande, perfetto esempio di gotico-veneziano con raffinati elementi orientali.