Venezia / Zone & Sestieri

Galleria

San Polo e Santa Croce

Due sestieri che vivono in simbiosi fin dagli albori di Venezia. Tenuti insieme dall’abbraccio del Canal Grande, che li stringe insieme nella penisola centrale alla città, S. Polo e S. Croce derivano entrambi il nome dalle chiese qui sorte rispettivamente nei secoli IX e VIII.

San Polo e Santa Croce

I confini delle zone non sono sempre individuabili: diciamo che verso S. Croce si dirada la popolazione e viene meno nell’intreccio di calli il clima commerciale che invece è l’anima di S. Polo.

S. Polo si estende a partire dalla brusca curvatura del Canal Grande, qui nasce Rialto: cuore mercantile di Venezia già nell’XI secolo, con vendita di frutta e verdura, pesce e carni. Nel 1514 vi fu un terribile incendio che distrusse grossa parte della zona, la Repubblica allora ne ordinò la ricostruzione con opere che tuttora danno identità al sestiere: le fabbriche vecchie e nuove, il palazzo dei Dieci Savi e quello dei Camerlenghi.

S. Polo conserva ancora molto del fascino popolare antico attraverso bancarelle, negozietti e i 'bacari' dove consumare in piedi la tipica ombra di vino e stuzzichini vari.

Tra i beni monumentali spicca il Ponte di Rialto, celebrità architettonica di Venezia: la sua struttura porticata con due file di bazar e una delle più belle viste sul canale è opera di Antonio da Ponte.

Il sestiere è tutto da girare, cominciando dalla Ruga degli Orefici ed addentrandosi poi nella medievale Calle della Madonna per proseguire lungo calli strette e campi dove si apre la luce: Campo S. Polo è lo spazio pubblico veneziano più grande dopo Piazza San Marco. La zona intera è costellata di chiese antichissime: quella di San Giacomo di Rialto (nota pure per la frontale statua del Gobbo di Rialto da cui si leggevano le sentenze) è stata fondata addirittura nel V secolo.

Restano tappe obbligatorie: Ca’ Goldoni, il palazzo dove nacque il commediografo che ora è sede di un museo a lui dedicato, la chiesa dei Francescani Santa Maria dei Frari, la Scuola Grande di San Rocco e Ca’ Pesaro, capolavoro di Baldassarre Longhena oggi sede della Galleria d’Arte Moderna.