Vicenza / Dintorni

Galleria

Schio

'Piccola Manchester': così era conosciuta già nel XVIII secolo Schio per le manifatture tessili che ivi sorsero sotto il dominio veneziano.

Ovviamente la sua storia va molto più indietro nei secoli, addirittura in zona sono state rinvenute tracce di insediamenti datati 1000 anni prima di Cristo; tuttavia Schledum (questo il nome in latino medievale) aveva il proprio destino dentro la modernità.

Dopo le varie signorie dei Della Scala e dei Visconti, che si succedettero dal Duecento al Quattrocento, fu quindi con Venezia che la cittadina cominciò a sviluppare un’anima industriale grazie alle prime produzioni laniere e oggi Schio può tranquillamente vantare il titolo di polo originario dell’industrializzazione veneta, fornendo alti esempi di archeologia del settore.

Nel Settecento, per merito dell’ambasciatore della Serenissima Niccolò Tron, vennero apprese tecniche inglesi di lavorazione dei tessuti, mentre al termine del secolo successivo Francesco Rossi e il figlio Alessandro misero in moto i lanifici Lanerossi. Alessandro Rossi in particolar modo si adoperò molto a favore della classe operaia e di un sistema di concezione 'interclassista', realizzando Nuova Schio: una sorta di città ideale fondata su principi illuministici con società di mutuo soccorso, scuole e aree ricreative a disposizione della maestranza.

Anche l’attuale Duomo è stato rivisto dall’architetto vicentino Antonio Caregaro Negrin che si occupò del progetto 'Nuova Schio'. All’interno della chiesa fra l’altro è custodito un dipinto di Palma il Vecchio. Un’altra chiesa degna di nota è quella di San Francesco, risalente ai secoli XV e XVI, con elementi gotici e rinascimentali, begli affreschi e un coro ligneo del ’500. Nell’ambito dell’archeologia industriale vanno visitati il Lanificio Conte del XVIII secolo, l’asilo d’infanzia Rossi (costruito nell’Ottocento per i figli dei lavoratori), il Teatro Jacquard, il Villino Rossi e la 'Città degli operai'. Da vedere poi tramite itinerari guidati è il Museo all’aperto di Archeologia Industriale.