Vicenza / Dintorni

Galleria

Thiene

Posta ai piedi dell’Altopiano di Asiago, Thiene è una città che offre vari punti di visita.

Il suo presente è molto attivo nel campo dell’industria tessile, onorando al meglio una tradizione viva da oltre due secoli nella zona: i jeans e le magliette che produce sono destinati oggi ad un mercato europeo. Ma sono tanti i settori in cui Thiene ha dimostrato slancio e grande competenza a livello internazionale: dall’industria della calzatura all’artigianato di ferro battuto e rame, dall’industria metalmeccanica a quella chimica.

E che il centro avesse le sue virtù e promettesse bene l’aveva d’altronde già capito la Repubblica Serenissima, quando nel 1492 le conferì il titolo di Città e lo status di mercato franco, esonerandola dal pagamento dei tributi. Questo accadde in realtà per l’appoggio militare e la fedeltà offerti a Venezia, ma l’impeto positivo degli abitanti lasciava già presagire in un qualche modo il futuro del centro e l’agevolazione ricevuta venne sfruttata a dovere per l’allargamento degli scambi commerciali.

Thiene s’impose così economicamente ed iniziò la sua fortuna, tanto che dal Rinascimento in poi ebbe una forte crescita, si allargò e sorsero molti eleganti edifici attorno a Villa Da Porto-Colleoni (1476) grazie alle attività legate alla seta e alla lana. Proprio la citata villa rappresenta una delle maggiori attrattive culturali, col suo stile misto tardogotico e romanico e l’aria da maniero (è infatti chiamata castello dai locali) trasmessa dalle mura merlate. L’antico mobilio e gli affreschi cinquecenteschi ne costituiscono un’ulteriore pregio.

Altre mete culturali da non tralasciare sono la chiesa della Natività di Maria Vergine (XV sec.) e la torre civica di Thiene (XVII), che fa da campanile al Duomo. Thiene è anche sede di belle rievocazioni storiche quali il Mercato Rinascimentale e Le Nozze, ossia la fedele ricostruzione del matrimonio fra il Conte Antonio Thiene e la Contessina Ginevra Porto: merita davvero prendere parte all’atmosfera magica che si viene a creare.

Non si trascuri poi l’aspetto 'naturalistico' tutto da godere dato dalla posizione al crocevia tra fertili pianure, verdi colline e montagne.