Aneddoti & Curiosità

Gli affreschi del chiostro del convento di Santo Stefano a Venezia

Opere e luoghi poco noti
chiostro-s-stefano

Gli affreschi del chiostro del convento di Santo Stefano a Venezia

Nel sestiere di San Marco a Venezia si erge la maestosa chiesa gotica di Santo Stefano, un tempo sede del convento dei monaci Eremitani Agostiniani, soppresso dopo la caduta della Repubblica e oggi sede dell'Agenzia delle Entrate.

Dalla porta della navata di sinistra si accede al chiostro, risalente al 1529 e progettato dallo Scarpagnino dopo che un incendio aveva distrutto la precedente struttura. Al centro vi è una vera da pozzo e, tutto intorno, è cinto da un portico; sappiamo dalle fonti documentarie che Giovanni Antonio Pordenone (Pordenone 1484 c. - Ferrara 1539) vi aveva dipinto, agli inizi degli anni trenta del Cinquecento - dopo l'incendio - scene del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Dopo le soppressioni napoleoniche di inizio ‘800, il chiostro subì un lento degrado, finché ciò che rimaneva degli affreschi fu staccato e trasferito nella Galleria Franchetti alla Cà d'Oro sul Canal Gande.

Rimangono, ancora leggibili, i tre frammenti raffiguranti la Cacciata di Adamo ed Eva dal paradiso terrestre, Cristo e la samaritana e Cristo e la Maddalena, opere caratterizzate da un vigoroso colorismo, e da una linea costruttiva morbida e articolata. Un secondo gruppo di affreschi, raffiguranti tre figure di Virtù e altri soggetti non facilmente identificabili con figure maschili e putti entro architetture è invece attribuito a Domenico Campagnola (Venezia? 1500 - Padova 1564), anche se, specialmente le figure dei nudi maschili, paiono più difficilmente riferibili all'artista.

Oltre ai resti di questi preziosi affreschi, la Galleria Giorgio Franchetti accoglie molti altri notevoli capolavori, come il ‘San Sebastiano' di Andrea Mantegna ed opere di Tiziano, Guardi e Van Dick, senza dimenticare la splendida location della galleria, ospitata alla Ca d'Oro, uno dei più bei palazzi lungo il Canal Grande…
Una visita da non perdere durante il vostro soggiorno a Venezia, magari accompagnati da una delle nostra guide per apprezzare fino in fondo la storia e l'arte custodite in questo maestoso palazzo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Cosa accadde il 16 maggio a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

  Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno di San Boldo (Sant'Ubaldo Vescovo) al Santo era dedicata una Chiesa,...

Vedi

Venezia: Cosa accadde l'1 maggio a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno dei Santi Filipo e Giacomo Apostoli e di Santa Scolastica, di cui esistevan...

Vedi

Venezia: Cosa accadde il 25 aprile a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno di San Marco Evangelista Patrono di Venezia. E' la Prima Festa di San Marco...

Vedi

Venezia: Cosa accadde il 20 aprile a Venezia

almanacco-venezia-rubrica
Almanacco di Venezia

Secondo il Calendario Liturgico Veneziano oggi è il giorno di San Vettor (San Vittore).   - 20 aprile 1797: cattura della fregata...

Vedi

I post più letti

Venezia: 10 canzoni che ti faranno pensare a Venezia

canzoni-ve
Lo sapevate che...

Ci sono canzoni di cui basta sentire le prime note per essere subito trasportati con la mente ad un luogo, un ricordo o un sogno. Quest...

Vedi

Padova: Vò Euganeo: un luogo da scoprire

vò
Opere e luoghi poco noti

In questi ultimi mesi si è sentito molto parlare del piccolo comune di Vò, in provincia di Padova, al centro delle attenzioni e preoc...

Vedi

Venezia: 10 film ambientati a Venezia da non perdere

10_film_venezia
Location cinematografiche

Venezia è una città unica al mondo, ogni anno fa sognare milioni di visitatori con il suo fascino intramontabile e le sue ‘calli’...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi