Aneddoti & Curiosità

Gli affreschi del chiostro del convento di Santo Stefano a Venezia

Opere e luoghi poco noti
chiostro-s-stefano

Gli affreschi del chiostro del convento di Santo Stefano a Venezia

Nel sestiere di San Marco a Venezia si erge la maestosa chiesa gotica di Santo Stefano, un tempo sede del convento dei monaci Eremitani Agostiniani, soppresso dopo la caduta della Repubblica e oggi sede dell'Agenzia delle Entrate.

Dalla porta della navata di sinistra si accede al chiostro, risalente al 1529 e progettato dallo Scarpagnino dopo che un incendio aveva distrutto la precedente struttura. Al centro vi è una vera da pozzo e, tutto intorno, è cinto da un portico; sappiamo dalle fonti documentarie che Giovanni Antonio Pordenone (Pordenone 1484 c. - Ferrara 1539) vi aveva dipinto, agli inizi degli anni trenta del Cinquecento - dopo l'incendio - scene del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Dopo le soppressioni napoleoniche di inizio ‘800, il chiostro subì un lento degrado, finché ciò che rimaneva degli affreschi fu staccato e trasferito nella Galleria Franchetti alla Cà d'Oro sul Canal Gande.

Rimangono, ancora leggibili, i tre frammenti raffiguranti la Cacciata di Adamo ed Eva dal paradiso terrestre, Cristo e la samaritana e Cristo e la Maddalena, opere caratterizzate da un vigoroso colorismo, e da una linea costruttiva morbida e articolata. Un secondo gruppo di affreschi, raffiguranti tre figure di Virtù e altri soggetti non facilmente identificabili con figure maschili e putti entro architetture è invece attribuito a Domenico Campagnola (Venezia? 1500 - Padova 1564), anche se, specialmente le figure dei nudi maschili, paiono più difficilmente riferibili all'artista.

Oltre ai resti di questi preziosi affreschi, la Galleria Giorgio Franchetti accoglie molti altri notevoli capolavori, come il ‘San Sebastiano' di Andrea Mantegna ed opere di Tiziano, Guardi e Van Dick, senza dimenticare la splendida location della galleria, ospitata alla Ca d'Oro, uno dei più bei palazzi lungo il Canal Grande…
Una visita da non perdere durante il vostro soggiorno a Venezia, magari accompagnati da una delle nostra guide per apprezzare fino in fondo la storia e l'arte custodite in questo maestoso palazzo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi