Aneddoti & Curiosità

L'allegoria della Battaglia di Lepanto nel palazzo Ducale di Venezia

Opere e luoghi poco noti
battaglia_lepanto

L'allegoria della Battaglia di Lepanto nel palazzo Ducale di Venezia

In una delle più belle sale del palazzo Ducale di Venezia, la sala del Collegio, dove il Doge riceveva ambasciatori e dignitari stranieri, campeggia uno dei dipinti più belli di Paolo Veronese (1528- 1588): l'allegoria della Battaglia di Lepanto (7 ottobre 1571).

Questa battaglia si svolse in Grecia (vicino al golfo di Corinto) e segnò la rivincita delle armate cristiane su quelle Turche, dopo più di un secolo di continue sconfitte. La vittoria ebbe grane risonanza a Venezia, dal momento che seguiva la terribile disfatta di Cipro di pochi mesi prima, durante la quale i Veneziani assediati dai Turchi, furono tutti trucidati e l'isola passò all'Impero Ottomano.

Per questo motivo tutti i più grandi artisti veneziani celebrarono la vittoria, come Paolo Veronese, che fu chiamato a decorare una delle sale più importanti del Palazzo Ducale.

Al centro del dipinto il Doge Sebastiano Venier, inginocchiato, ringrazia Gesù Cristo che lo benedice, affiancato da San Marco (patrono di Venezia) e Santa Giustina (celebrata il 7 ottobre); dietro al Doge si vede il comandante Agostino Barbarigo, morto eroicamente nella battaglia. Vi sono anche altre due figure femminili: sul lato destro c'è una fanciulla riccamente vestita, rappresentazione allegorica di Venezia, che regge il corno Ducale a voler dire che il potere del Doge viene dalla città e dal popolo,  e sulla sinistra una figura vestita di bianco che regge un calice, la personificazione della Fede, dal momento che si trattava di una guerra santa contro gli Infedeli.

Prenotando la nostra visita guidata privata di Palazzo Ducale, Francesca, autrice di questa affascinante rubrica e guida autorizzata di Venezia, vi accompagnerà alla scoperta dei numerosi tesori custoditi  nell'antico palazzo dei Dogi di Venezia tra storia, arte e leggenda… Richiedi subito la sua disponibilità!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi