Aneddoti & Curiosità

La biblioteca della chiesa di San Francesco della Vigna a Venezia

Curiosità storiche
biblioteca-s-francesco-venezia

La biblioteca della chiesa di San Francesco della Vigna a Venezia

Lontano dai soliti giri turistici, addentrandosi nel popolare sestiere di Castello a Venezia, ci si può imbattere nella splendida chiesa di San Francesco della Vigna.

Il complesso nacque nel 1253 quando il figlio del doge Pietro Ziani, Marco, donò ad un gruppo di frati francescani un terreno con una vigna (da cui il nome della chiesa).

Il convento è famoso anche per una biblioteca, di cui si hanno notizie certe a partire dal 1437,  che tra il XVI e il XVIII secolo conobbe una discreta fama, sia per i testi conservati sia per le attività ad essa connesse, come le lezioni pubbliche di teologia e gli incontri dell'Accademia per le Scienze Ecclesiastiche.

In seguito alle soppressioni del XIX sec. e alla trasformazione del convento in caserma, il patrimonio della biblioteca venne in gran parte disperso, ma con il ritorno della comunità francescana, dopo la seconda metà dell'Ottocento, la biblioteca venne ripristinata anche grazie a lasciti e ad eredità di religiosi e laici.

Dal 1989, il Convento è sede dell'Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino e dal 2001 sono confluiti nella biblioteca alcuni fondi antichi appartenuti a due confratelli defunti e ad alcuni conventi francescani soppressi.

L'attuale patrimonio librario della biblioteca consiste di un fondo antico composto di circa 30.000 volumi tra corali, manoscritti, incunaboli, cinquecentine, libri dei secoli XVII, XVIII, e di un fondo moderno di circa 80.000 opere per lo più di argomento religioso.

La biblioteca può anche essere visitata con l'ausilio di una guida. Per maggiori informazioni potete contattarci via mail e, una volta verificata la disponibilità delle nostre guide, organizzare con loro una visita guidata privata alla chiesa e alla biblioteca di San Francesco della VIgna a Venezia.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi