Aneddoti & Curiosità

Calle Larga XXII Marzo a Venezia

Curiosità storiche
Calle_larga

Calle Larga XXII Marzo a Venezia

La Calle Larga XXII marzo vicino a Piazza San Marco è la strada preferita dagli amanti dello shopping di lusso, dal momento che qui si trovano le più importanti boutiques di Venezia. Il suo nome è legato ad una data molto significativa per la storia  della città: il 22 marzo 1848.

Già da molti anni la città di Venezia era sotto il dominio austriaco, fortemente antiliberale. Proprio il 22 marzo il popolo veneziano insorse, chiedendo la liberazione di due patrioti, Daniele Manin e Niccolò Tommaseo; gli Austriaci vennero cacciati dalla città e fu proclamata di nuovo la Repubblica, con presidente Manin. La ribellione fu però decisamente sfortunata, perché appena 16 mesi dopo gli Austriaci presero la città per fame e i Veneziani, assediati per terra e per mare, furono costretti ad arrendersi.

Nonostante ciò, la cacciata degli Austriaci del 22 marzo 1848 fu fondamentale a livello culturale per il cammino risorgimentale di Venezia, portando all'annessione al Regno d'Italia nel 1867. Così  nel 1881 la vecchia Calle di San Moisè (perché conduceva alla vicina chiesa di San Moisè), divenne Calle Larga XXII Marzo, dal momento che l'antica calle venne allargata, demolendo diverse antiche costruzioni.

Se avete trovato questo articolo interessante e siete curiosi di scoprire altri lati insoliti di Venezia non perdete i nostri tour e attività creati ad hoc per vivere la città lagunare da vero Insider!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi