Aneddoti & Curiosità

Canaletto, il grande vedutista veneziano

Presenze illustri
canaletto-san-marco

Canaletto, il grande vedutista veneziano

Giovanni Antonio Canal, meglio conosciuto come il Canaletto, è stato uno dei più grandi vedutisti del Settecento. Oltre a unire architettura e natura nella rappresentazione topografica, i suoi quadri mostrano un’attenta resa atmosferica: Canaletto, infatti, prestava molta attenzione ad ogni singolo dettaglio che caratterizzava i diversi momenti della giornata, indagando con criteri di scientifica oggettività gli effetti e i cambiamenti della luce sul panorama circostante. Dava molto valore anche alla prospettiva, avvalendosi della camera ottica, antenata della macchina fotografica, per renderla al meglio nelle sue opere.

Canaletto nasce il 17, o il 18, ottobre del 1697 da una famiglia benestante della Repubblica Veneziana. Viene avviato alla pittura dal padre, Bernardo Canal (da qui il soprannome Canaletto, ‘piccolo Canal’), collaborando con lui e il fratello alla realizzazione di fondali per il teatro. La vera e propria spinta artistica del giovane Canaletto arriva con il trasferimento a Roma, dove ottiene i suoi primi contatti con i pittori vedutisti. È stato proprio durante il soggiorno romano che realizza le sue prime opere note, come Santa Maria d'Aracoeli, Campidoglio e Tempio di Antonino e Faustina, nelle quale inizia ad accostarsi al genere della veduta. Le prime due opere da lui firmate e con data certa però risalgono al 1723: si tratta di due Capricci - disegni fantasiosi, lontani dai temi religiosi o etici tipici dell’epoca - oggi conservati in collezioni private.

Grazie alla sua notevole abilità e alla tecnica, una volta tornato a Venezia, Canaletto riesce a diventare in breve tempo uno dei pittori più affermati della Serenissima. Nel corso degli anni venti del ‘700 le committenze cominciarono ad aumentare, anche grazie all’incontro con Joseph Smith, ricchissimo collezionista d'arte e console britannico a Venezia tra il 1744 e il 1760 nonché figura fondamentale per la carriera di Canaletto, fungendo da intermediario tra il pittore veneziano e i collezionisti inglesi.

Verso il 1740, quando la Guerra di successione austriaca (1741-1748) porta un forte decremento dei visitatori britannici a Venezia, il mercato del Canaletto si riduce drasticamente e il pittore decide di trasferirsi a Londra, dove riesce a crearsi una nuova clientela.

Torna poi a Venezia tra il 1756 e il 1757, per non spostarsi più: eletto all’Accademia Veneziana, continua a dipingere fino alla sua morte, avvenuta nel 1768.

Grazie alle sue impareggiabili vedute su Venezia, Canaletto è riuscito ad esportare ‘il mito di Venezia’ all’estero mostrando una città naturalmente incantevole, magica e tutta da scoprire!

Approfittate della grande mostra allestita nelle stanze del Palazzo Ducale di Venezia per ammirare da vicino le sue opere più famose, assieme ad altri capolavori dell’arte veneziana del XVIII secolo e dei suoi più grandi protagonisti … Il biglietto per la mostra ‘Canaletto a Venezia’ può essere acquistato online direttamente dal nostro portale!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Cosa vedere a Burano?

burano
Opere e luoghi poco noti

L’isola di Burano è un vero e proprio spettacolo per gli occhi e una grande emozione per il cuore: ogni anno migliaia di turisti si ...

Vedi

Venezia: Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

isola_di_san_giorgio_maggiore
Opere e luoghi poco noti

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla sto...

Vedi

Treviso: Le origini leggendarie di Treviso

treviso
Opere e luoghi poco noti

E’ cosa risaputa che quanto più antico è un luogo tante più sono le leggende che raccontano la sua fondazione: è il caso della st...

Vedi

Venezia: L’iconostasi della Basilica di San Marco

iconostasi-basilica-san-marco
Opere e luoghi poco noti

Entrando in Basilica di San Marco a Venezia, la prima cosa che viene da fare spontaneamente è alzare lo sguardo verso i magnifici mosa...

Vedi

I post più letti

Padova: I Vizi e le Virtù secondo Giotto nella Cappella degli Scrovegni

Carità-e-Invidia
Curiosità storiche

La Cappella degli Scrovegni a Padova racchiude uno dei capolavori più significativi di tutti i tempi: il grande ciclo di affreschi di ...

Vedi

Venezia: La pietra rossa del ‘Sotoportego de la peste’

sotoportego-de-la-peste
Misteri & Leggende

Camminando per Venezia tra calli, campi e campielli vi potreste imbattere in strane lastre sul selciato… che non vanno assolutamente ...

Vedi

Venezia: I dipinti di Tiziano nella Sacrestia della Basilica della Salute

tiziano-salute-venezia
Presenze illustri

La chiesa della Salute è uno dei luoghi religiosi più importanti di Venezia… è stata eretta per ricordate la fine della terribile ...

Vedi

Verona: Il Giardino Giusti e il cipresso di Goethe

giardino-giusti
Opere e luoghi poco noti

Non è un caso se l’Italia viene definita come ‘il paese dei giardini’… Ogni città, borgo o paesino ha un giardino, magari con...

Vedi