Aneddoti & Curiosità

Gli straordinari capitelli di Palazzo Ducale a Venezia

Opere e luoghi poco noti
capitelli_ducale

Gli straordinari capitelli di Palazzo Ducale a Venezia

Ogni anno milioni visitatori ammirano i capolavori di Palazzo Ducale, il monumento simbolo della grandezza della Repubblica di Venezia. Forse però non tutti notano gli incredibili capitelli che decorano le facciate esterne di questo imponente edificio…

Sono più di 600 immagini, scolpite in pietra d'Istria fra il 1340 e il 1355 dalle botteghe dei magister Enrico e Pietro Baseggio. Si tratta di figure allegoriche che simboleggiano il Buon Governo e la forza della Repubblica in un mondo regolato dalla grandezza divina. Un'enciclopedia di immagini che invita ogni uomo a coltivare la Saggezza, la Giustizia e la Preghiera come mezzi per raggiungere la Salvezza.

I capitelli angolari sono più grandi e rappresentano scene bibliche (Il peccato originale, l'ebbrezza di Noè, il Giudizio di Salomone), per sottolineare che il governo della Repubblica si basava sulla Fede cristiana; i 113 capitelli del portico (42 si questi sostituti da copie alla fine dell‘800) rappresentano invece aspetti della vita di ogni giorno: vi è per esempio il capitello con gli uccelli da preda, che secondo la simbologia medievale rappresentavano la vita sensitiva; quelli con i popoli del mondo, diversi perché influenzati dagli astri; non mancano nemmeno i 7 vizi capitali e le virtù cristiane, i 12 segni zodiacali con i pianeti corrispondenti ed infine… neanche scalpellini a lavoro e cestini di frutta!

La spiegazione di queste affascinanti raffigurazioni è inclusa nel nostro tour Venezia per bambini! Simboli, figure reali e fantasiose, significati nascosti, … Un'ottima soluzione per coinvolgere ed appassionare grandi e piccoli nella scoperta di Venezia! Richiedi subito la disponibilità di Francesca e vivi con lei uno degli originali itinerari guidati per bambini proposti nel nostro inedito tour!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi