Aneddoti & Curiosità

La cappella del Volto Santo nella perduta chiesa dei Servi a Venezia

Opere e luoghi poco noti
cappella-volto-santo-venezia

La cappella del Volto Santo nella perduta chiesa dei Servi a Venezia

Nel sestiere di Cannaregio a Venezia, un tempo, sorgeva la chiesa dei Servi di Maria, maestoso edificio gotico nel cui convento abitò il celebre teologo Paolo Sarpi. Distrutto nel 1813, di questo straordinario complesso rimane oggi molto poco, tra cui la cappella del Volto Santo.

Eretta nel 1360 dalla comunità lucchese - molto numerosa a Venezia perché un grosso gruppo di esuli politici si era trasferito nella città lagunare nel 1317 - questa cappella fu consacrata nel 1376 e vi si venerava una copia del volto Santo (ora conservata nel museo del Seminario Patriarcale), un crocifisso ligneo che, secondo la leggenda, fu fatto non da mano umana all'indomani della Deposizione dalla Croce. Tale crocifisso viene oggi venerato nella cattedrale di San Martino a Lucca. Nonostante le spoliazioni ottocentesche, la cappella conserva ancora lo splendido soffitto originale con le immagini dei Padri della chiesa e i simboli dei quattro Evangelisti, probabile opera del pittore veneziano Nicolò Semitecolo (seconda metà del XIV secolo).

La Cappella del Volto Santo, salvata dalle demolizioni del grande complesso dei Servi, divenne inizialmente un magazzino; nel 1859 fu acquisita dall'abate Daniele Canal e da Anna Maria Marovich perché fosse la chiesetta del loro Istituto per il recupero delle donne uscite dal carcere. Negli anni '80, a seguito della chiusura dell'Istituto Marovich, è stata qui creata la Casa Studentesca Santa Fosca, che ancora oggi gestisce la cappella.

La Cappella del Volto Santo e molti altri affascinanti luoghi ancora poco conosciuti vi aspettano a Venezia per un inedito itinerario guidato fuori dai consueti percorsi turistici del centro storico… Francesca, la nostra brillante guida, organizzerà per voi una visita privata alla Venezia insolita e segreta!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi