Aneddoti & Curiosità

Ceneri oggi e ceneri ieri a Venezia

Curiosità storiche
ceneri-venezia

Ceneri oggi e ceneri ieri a Venezia

Quando si parla delle Ceneri, a Venezia si pensa subito alla fine del Carnevale e all'inizio della Quaresima… Il mercoledì delle Ceneri segue infatti l'ultimo giorno di Carnevale (Martedì Grasso) ed è il giorno in cui i credenti si recano in chiesa per ricevere sulla testa della cenere e ricordare, dopo i divertimenti e l'allegria del carnevale, che ‘cenere eri e cenere diventerai'.

Oggi le Ceneri rappresentano quindi un momento di riflessione e pentimento per prepararsi alla Pasqua.

Un tempo non lontano, invece, le ceneri avevano un uso del tutto diverso e decisamente pratico… Con la cenere si faceva la liscivia, un composto di acqua e cenere che veniva impiegata per fare il bucato e per lavare la lana grezza, in quanto ha un incredibile effetto sbiancante.

Nella zona di Sant'Alvise a Venezia c'è anche la calle della Cenere, dove appunto si trovavano i depositi di Cenere. Sappiamo che il commercio di questo prodotto era molto importante per la città: nel 1579 i mercanti di lana avevano chiesto al governo che la cenere proveniente dall'Istria e dalla Dalmazia (allora territori della Serenissima) non fosse venduta al di fuori di Venezia, per non danneggiare i Saponeri della città, che così detenevano il monopolio di questo prodotto fondamentale.

Se desiderate approfondire l'argomento o conoscere altre antiche usanze e tradizioni di Venezia, potrete prenotare online una visita guidata privata di Venezia con guida locale: l'itinerario è completamente personalizzabile in base alle vostre richieste ed esigenze, incluso l'orario di partenza e il punto di ritrovo!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi