Aneddoti & Curiosità

Il nome della chiesa della Madonna della Fava a Venezia

Tradizioni popolari
SMdellaFava

Il nome della chiesa della Madonna della Fava a Venezia

Tra il ponte di Rialto e Piazza San Marco a Venezia, vi è una piccola chiesa settecentesca, dal nome davvero curioso: Santa Maria della Fava. Il vero nome in realtà è Santa Maria della Consolazione, perché fu costruita all'inizio del XVI secolo nei pressi di un palazzo sul cui muro si trovava un'icona miracolosa, nella quale i fedeli potevano appunto trovare ‘consolazione'.

Quasi subito però la tradizione popolare le cambiò nome, perché nei pressi del ponte di fronte vi era una famosa pasticceria, che era specializzata nella produzione delle ‘fave dei morti'; per cui la chiesa diventò Santa Maria della Fava.

Le fave dei morti, diffusissime ancora oggi, sono dei piccoli dolcetti di forma circolare fatti con pasta di mandorle e talvolta anche con cioccolato, che si trovano solo nei giorni che precedono il 2 novembre, il giorno della commemorazione dei defunti.

L'origine di questo dolce è legata all'usanza, vecchia di secoli, per lo meno in alcune zone d'Italia, di consumare fave durante i banchetti che si tenevano tra i parenti del defunto immediatamente dopo il funerale.

Secondo una tradizione antichissima, le fave costituivano un mezzo di comunicazione diretto tra il mondo dei morti ed il mondo dei vivi perché erano considerate in grado di trasferire negli esseri viventi le anime dei trapassati; erano infatti presenti nelle cerimonie funebri in Grecia, in Egitto, a Roma e perfino in India ed in Perù.

Se avete trovato questo articolo interessante l'autrice Francesca, entusiasta guida di Venezia, sarà felice di accompagnarvi alla scoperta dei lati più curiosi ed insoliti di Venezia…, prenota ora il nostro tour personalizzato su Venezia!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: The Twin Bottles: l’arte dice NO alla plastica in mare

the_twin_bottles
Lo sapevate che...

Lo sapevate che nel Canal Grande di Venezia, nei pressi di Palazzo Ca' Vendramin Calergi ci sono due immense bottiglie accartocciate ch...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Il Vetro a Venezia: un’Arte ineguagliabile

vetro2
Curiosità storiche

Eccoci tornati all’incredibile storia del vetro. L’ultima volta ci eravamo lasciati con un importante quesito: come arrivò il vetr...

Vedi

Campagna Lupia: Il Casone di Valle Zappa: l’Olanda in laguna

casone_valle_zappa
Opere e luoghi poco noti

Se vi capita di passare per Campagna Lupia, fate una piccola deviazione perché qui si nasconde un piccolo gioiello, un pezzetto di Ola...

Vedi

I post più letti

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi