Aneddoti & Curiosità

La Coppa Barovier al Museo del Vetro di Murano a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Coppa_Barovier

La Coppa Barovier al Museo del Vetro di Murano a Venezia

Da sempre cosa regalare per un matrimonio è una difficilissima questione… Al museo del Vetro di Murano, la piccola isola della laguna di Venezia famosa in tutto il mondo per la lavorazione del vetro soffiato, potete ammirare uno degli oggetti più belli mai regalati per le nozze di qualcuno: la coppa Barovier.

E' in vetro azzurro scuro, decorata a smalto ed oro e fu realizzata fra il 1470 ed il 1480 come dono di nozze per i due personaggi raffigurati nei medaglioni; inoltre vi sono raffigurate due scene allegoriche, una cavalcata ed il bagno alla fontana dell'amore e della giovinezza, che dovevano servire da buon augurio alla nuova coppia.

Questa coppa è così famosa che ancora oggi viene prodotta nella stessa maniera in cui è stato fatta l'originale più di 500 anni fa, dalla stessa fornace che la produsse, la Barovier & Toso, che esistendo dalla metà del XIII secolo  è annoverata fra le imprese familiari più antiche del mondo tuttora in attività.

La coppa è conservata nel Palazzo Giustinian, che dal 1861 ospita il Museo d'Arte Vetraria, dove è possibile ammirare una stupenda collezione di oggetti in vetro, da quelli archeologici del II secolo a. C. fino alle più recenti creazioni dell'arte vetraria veneziana.

Palazzo Giustinian  venne costruito su disegno di Antonio Gaspari a partire dal 1680 per il vescovo di Torcello Marco Giustinian, che qui trasferì la sede vescovile, a causa della malaria che imperversava a Torcello.

Se avete trovato questo articolo interessante Francesca, l'autrice della nostra rubrica, sarà felice di accompagnarvi alla scoperta di molti altri alti straordinari capolavori custoditi a Venezia… Prenota subito la tua visita guidata privata a Venezia compilando il form!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi