Aneddoti & Curiosità

Cosa vedere a Burano?

Opere e luoghi poco noti
burano

Cosa vedere a Burano?

L’isola di Burano è un vero e proprio spettacolo per gli occhi e una grande emozione per il cuore: ogni anno migliaia di turisti si avventurano nella nostra amata laguna per ammirare questo incredibile piccolo angolo di Venezia fatto di pace, serenità e di vivaci colori.

Una volta sbarcarti in questa magica isola ci si sente travolti da un turbinio di colori; sembra di trovarsi in un paese perennemente vestito a festa grazie alle tante casette colorate … ma vi siete mai chiesti il motivo per cui ogni casa ha le pareti dipinte di colore diverso? La tradizione vuole che in passato i pescatori avessero colorato le loro case per differenziarle e poterle riconoscere anche da lontano, tornando dal mare dopo la pesca.

Se vi state chiedendo cosa c’è da vedere a Burano, non perdetevi le tappe da noi consigliate!

Vagando tra le caratteristiche casette colorate non potete rinunciare di certo, a visitare la famosa ‘Casa di Bepi’, che rispetto alla monocromia che caratterizza gli altri edifici, porta su di sé tutti i colori e l’allegria dell’isola, un vero e proprio arcobaleno che brilla sulle sue pareti!

Ma oltre agli edifici colorati, Burano è ricca di angoli unici da vedere e piccoli posti da scoprire come Piazza Galuppi, l’unica piazza presente nell’isola: al centro potrete vedere la statua a mezzobusto di Remigio Barbaro in memoria di Baldassare Galuppi, compositore e organista nato a Burano nel 1706, al quale la piazza è dedicata. Sempre qui, tra intimi ristoranti e tipici negozietti, si trova il Museo del Merletto che testimonia la tradizione locale di questa bellissima arte e le sue leggendarie origini. Pensate che ancora oggi si possono vedere le signore, sedute fuori accanto all’uscio di casa, impegnate a lavorare il merletto…un fascino d’altri tempi!

Visto che siete in piazza andate a visitare anche la bella chiesa di San Martino Vescovo dove si conserva un quadro del grande Giambattista Tiepolo! Ma avete notato come è storto il suo campanile? Girandoci attorno vi accorgerete che pende proprio come la Torre di Pisa!

Ora se decidete di perdervi tra le tranquille calli che separano le tante casette colorate, cercate sulla cartina due pittoresche Fondamenta, Cao di Rio e Terranova. Passeggiando, respirerete l’atmosfera antica di questi luoghi: potrete ammirare le case colorate che si riflettono sull’acqua dando vita ad uno spettacolo cangiante e suggestivi panorami sulla laguna con tipici pescherecci, gondolini, sandali e pupparini...

Visitare l’isola però, vi metterà una gran fame … perciò concedetevi una breve pausa in uno dei tanti ristorantini tipici di Burano e provate un buon risotto di gò o una bella frittura mista con pesce appena pescato! E per concludere il pasto, assaggiate il biscotto tradizionale, il bussolà, non potrete fare a meno di portarne un po' a casa con voi!

Non sapete bene come arrivare a Burano e vorreste visitare anche le altre isole maggiori di Murano e Torcello con comodità e senza preoccupazioni? Date un’occhiata alla nostra pagina dedicata ai tour in barca … potreste trovare la soluzione giusta per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi