Aneddoti & Curiosità

Elena Lucrezia Corner Piscopia: la prima donna laureata del mondo

Presenze illustri
Elena_Lucrezia_corner

Elena Lucrezia Corner Piscopia: la prima donna laureata del mondo

Le donne a Venezia si sono spesso distinte per il loro coraggio e le loro scelte non convenzionali; ne è un ottimo esempio Elena Lucrezia Corner Piscopia, la prima donna laureata al mondo.

Elena nacque nel 1646 e fu la quinta dei sette figli del nobile Giovan Battista Corner e della popolana Zanetta Boni. Il padre, uomo di grande cultura, quando si accorse delle qualità della figlia, ne favorì in tutti i modi la crescita culturale; Elena ebbe infatti  i migliori insegnanti di greco, latino, scienze, filosofia e teologia, ma imparò anche l'ebraico e lo spagnolo da un rabbino. Ormai nota tra gli studiosi italiani per la sua erudizione, la Corner fu accolta in varie Accademie italiane e la sua fama si estese anche all'estero.

Dopo che Elena ebbe tenuto a Venezia una pubblica disputa di filosofia in lingua greca e latina, il padre Giovan Battista chiese che lo Studio di Padova assegnasse alla figlia la laurea in teologia, alla quale si oppose energicamente il vescovo di Padova, sostenendo che fosse «uno sproposito dottorar una donna» e che sarebbe stato un «renderci ridicoli a tutto il mondo». Ne nacque un conflitto tra il vescovo e il Corner, che si risolse con il compromesso di far laureare Elena in filosofia: il 25 giugno 1678 la Corner sostenne la sua dissertazione e fu accolta nel Collegio dei medici e dei filosofi dello Studio padovano, benché non potesse comunque, in quanto donna, esercitare l'insegnamento. Stabilitasi a Padova, già seriamente malata, vi morì a soli trentotto anni.

Pensate che oltre a una sua statua nella sede dell'università di Padova (il ‘Bo') e una piccola targa su un muro del palazzo in cui nacque sul Canal Grande (oggi sede del municipio di Venezia),  le è stato dedicato un cratere di 26 km di diametro sul pianeta Venere e nella biblioteca del Vassar College a Poughkeepsie (NY) è ricordata in una vetrata a colori.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi