Aneddoti & Curiosità

Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

Tradizioni popolari
fave-dei-morti

Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza preparare le ‘fave dei morti’. Il nome non è di certo molto invitante e non hanno niente a che fare con le fave che si trovano in natura! In realtà, sono dei gustosi dolcetti, piccoli come una noce, che si presentano in tre colori differenti: bianco, rosa e marrone. Ma perché si chiamano così?

E’ necessario fare un bel salto indietro nel tempo, all’epoca degli antichi romani, per capire l’etimologia della parola: in passato in tutta l’area mediterranea, le fave erano il legume collegato all’aldilà e ai defunti. Infatti, nell’antica Roma, le fave simboleggiavano le anime dei morti e per questo motivo, venivano praticati numerosi rituali scaramantici usando questo particolare legume, come la sua donazione alle divinità dell’Ade e sulla tomba del defunto, la masticazione delle fave secche o la loro cottura. Anche con l’avvento del Cristianesimo, il legame tra le fave e i morti non venne dimenticato tanto che, fino ai tempi più recenti, era usanza mettere sul davanzale e sugli angoli delle strade ciotole colme di fave.

Oggi la fava naturale è stata sostituita da un delizioso dolcetto ‘la fava dei morti’. A Venezia le fave dolci sono fatte tradizionalmente con i pinoli ma…città che vai, fave dei morti che trovi! Ad esempio, a Trieste sono cucinate con le mandorle, a Bergamo vengono aromatizzate con anice e grappa oppure in altre regioni (anche in Veneto), ogni 2 novembre è possibile assaggiare le ‘ossa di morto’, biscotti che solitamente hanno una consistenza dura e possono contenere mandorle o essere ricoperti di cioccolato.

Le fave dei morti le potete assaggiare e acquistare in qualsiasi pasticceria di Venezia e dintorni… ma perché non provare a farli in casa? La ricetta è molto semplice!

Vi serviranno gli ingredienti classici per fare i dolci, sempre presenti in ogni casa: zucchero, uova (solo gli albumi) e pinoli che vanno ben triturati insieme allo zucchero e il tutto amalgamato con gli altri ingredienti. Per creare le diverse tipologie di colore dovrete:

  • dividere l’impasto in tre panetti, su uno aggiungerete un po' di cacao per creare le fave marroni, su uno l’alchermes per quelle rosse, mentre il terzo rimarrà del colore naturale per le fave di color bianco.
  • Lasciate riposare i tre panetti, create con questi dei salsicciotti e tagliateli in ‘gnocchetti’ da far rotolare su dello zucchero a velo o semolato disponendoli poi, su una teglia ricoperta di carta forno.
  • Infine, infornate a 130°C per 10 minuti. Saranno pronte quando avranno delle crepe sulla superficie.
  • Fate raffreddare per almeno 10 ore e poi saranno pronte da mangiare.

Sicuramente vi sarete accorti che quest’anno il 2 novembre cade proprio a pennello, di sabato! Perché non approfittare di questo ponte per regalarvi un bel weekend a Venezia? E tra una ‘fava dei morti’ e l’altra, andate a scoprire le meraviglie di questa città unica al mondo con i nostri tour guidati di Venezia!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Le curiose leggende sulla nascita del radicchio trevigiano

radicchio_CC.Mon CEil
Lo sapevate che...

Lo sapevate che, secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l'autunno fa all'inverno, per dare ...

Vedi

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi