Aneddoti & Curiosità

La festa del Redentore a Venezia e la peste del 1576 nell'isola del Lazzaretto

Curiosità storiche
Lazzaretto

La festa del Redentore a Venezia e la peste del 1576 nell'isola del Lazzaretto

La festa del Redentore a Venezia è forse la più importante celebrazione della città lagunare ma è legata ad un evento davvero tragico: la pestilenza che colpì la città nel 1575 e in due anni provocò 50.000 morti, quasi un veneziano su tre. Così nel settembre del 1576 il Senato chiese l'aiuto divino facendo voto di realizzare una nuova chiesa intitolata al Redentore e nel maggio del 1577 si pose la prima pietra del progetto di Andrea Palladio e il 20 luglio successivo si festeggiò la fine della peste con una processione che raggiungeva la chiesa attraverso un ponte di barche, dando inizio a una tradizione che dura ancor oggi.

Se si cercano tracce di questa terribile pestilenza si può andare a visitare l'isola del Lazzaretto Nuovo, situata vicino all'isola di Sant'Erasmo, raggiungibile con il vaporetto n° 13.

L'isola divenne luogo di contumacia (cioè quarantena perché durava 40 giorni) per le navi che arrivavano dai vari porti del Mediterraneo, sospette di essere portatrici del morbo. Per rendere efficiente la struttura sanitaria furono costruiti molti edifici, tra cui il cinquecentesco Tezon Grande, lungo più di 100 metri (il più grande edificio pubblico di Venezia dopo le Corderie dell'Arsenale), luogo di ricovero dei malati. Esso conserva ancora molte scritte e disegni originali che attestano la presenza dei mercanti, dei 'bastazi' (facchini) e dei guardiani del Magistrato alla Sanità, descrivendo arrivi di navi e commerci (da Costantinopoli, Nauplia nel Peloponneso, Alessandria d'Egitto, Cipro ...), e riportando sigilli e simboli, nomi di dogi e di marinai.

E' possibile effettuare visite guidate ogni sabato e domenica alle ore 9.45 e 16.30.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi