Aneddoti & Curiosità

Gli audaci altorilievi del palazzo dei Camerlenghi a Rialto

Tradizioni popolari
camerlenghi-pallazo

Gli audaci altorilievi del palazzo dei Camerlenghi a Rialto

Il ponte di Rialto sul Canal Grande è sicuramente uno dei monumenti simbolo di Venezia.

La prima struttura, poggiante su pali in legno, fu costruita nella seconda metà del XII secolo per poi essere sostituita da un ponte di legno strutturale attorno al 1250.

Dopo vari crolli avvenuti nel corso dei secoli, all’inizio del ‘500 si cominciò a parlare di costruire un ponte in pietra e così, nel 1551, le autorità veneziane indissero un bando: tutti i più grandi architetti dell’epoca vi parteciparono, ma trascorsero 37 anni tra l’approvazione di un progetto e la conclusione dei lavori di costruzione del ponte. Finalmente, fra il 1588 ed il 1591, il ponte venne ultimato su progetto di Antonio da Ponte.

E’ comprensibile dunque che, nel frattempo, molte persone fossero divenute scettiche circa la completa realizzazione del ponte… Finiti i lavori, i veneziani fecero di tanta infondata diffidenza grande motivo di scherno: i due altorilievi che potete vedere all’entrata del vicino Palazzo dei Camerlenghi (realizzato tra il 1525 e il 1528), divennero il simbolo della giusta berlina per i detrattori delle capacità della Repubblica, fossero essi uomini o donne.

La tradizione popolare vuole che essi rappresentino, rispettivamente, una popolana che aveva sentenziato: ‘quando che i finisse el ponte, me ciaparà fogo la mona’ (quando finiranno il ponte mi prenderà fuoco la vagina); al che un popolano avrebbe rilanciato: ‘sto ponte i lo finirà quando ch’el casso farà l’ongia’ (il ponte sarà finito quando al pene crescerà l’unghia).

E i due altorilievi rappresentano appunto una donna con una vagina in fiamme e un uomo con il pene che mostra l’unghia!

Il Ponte di Rialto è indubbiamente una delle tappe da inserire nella vostra visita di Venezia… magari accompagnati da una guida turistica locale, che saprà coinvolgervi nella scoperta di questa splendida città mostrandovi anche i luoghi meno noti ed affollati!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Padova: Jacopo Marcello, il Capitano da Mar che non doveva morire

ca-marcello
Presenze illustri

Ca’ Marcello a Piombino Dese (PD) è una stupenda villa veneta settecentesca… Ancora oggi, è abitata dai Conti Marcello, nobile fa...

Vedi

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

I post più letti

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi

Treviso: Castelbrando a Cison di Valmarino

castelbrando
Opere e luoghi poco noti

La provincia di Treviso offre ai suoi visitatori moltissimi luoghi pieni di storia e ricchi di fascino… Uno di questi è sicuramente ...

Vedi

Venezia: La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Tomba_Canova
Misteri & Leggende

Quando si visita la splendida basilica dei Frari a Venezia ci si trova davanti ad una piramide… Cosa ci fa una struttura come questa ...

Vedi

Venezia: L'imperatrice Sissi a Venezia

Sissi
Presenze illustri

L'imperatrice Sissi (1837-18989), moglie dell'imperatore d' Austria Francesco Giuseppe d'Asburgo, è rimasta nell'immaginario collettiv...

Vedi