Aneddoti & Curiosità

Gli audaci altorilievi del palazzo dei Camerlenghi a Rialto

Tradizioni popolari
camerlenghi-pallazo

Gli audaci altorilievi del palazzo dei Camerlenghi a Rialto

Il ponte di Rialto sul Canal Grande è sicuramente uno dei monumenti simbolo di Venezia.

La prima struttura, poggiante su pali in legno, fu costruita nella seconda metà del XII secolo per poi essere sostituita da un ponte di legno strutturale attorno al 1250.

Dopo vari crolli avvenuti nel corso dei secoli, all’inizio del ‘500 si cominciò a parlare di costruire un ponte in pietra e così, nel 1551, le autorità veneziane indissero un bando: tutti i più grandi architetti dell’epoca vi parteciparono, ma trascorsero 37 anni tra l’approvazione di un progetto e la conclusione dei lavori di costruzione del ponte. Finalmente, fra il 1588 ed il 1591, il ponte venne ultimato su progetto di Antonio da Ponte.

E’ comprensibile dunque che, nel frattempo, molte persone fossero divenute scettiche circa la completa realizzazione del ponte… Finiti i lavori, i veneziani fecero di tanta infondata diffidenza grande motivo di scherno: i due altorilievi che potete vedere all’entrata del vicino Palazzo dei Camerlenghi (realizzato tra il 1525 e il 1528), divennero il simbolo della giusta berlina per i detrattori delle capacità della Repubblica, fossero essi uomini o donne.

La tradizione popolare vuole che essi rappresentino, rispettivamente, una popolana che aveva sentenziato: ‘quando che i finisse el ponte, me ciaparà fogo la mona’ (quando finiranno il ponte mi prenderà fuoco la vagina); al che un popolano avrebbe rilanciato: ‘sto ponte i lo finirà quando ch’el casso farà l’ongia’ (il ponte sarà finito quando al pene crescerà l’unghia).

E i due altorilievi rappresentano appunto una donna con una vagina in fiamme e un uomo con il pene che mostra l’unghia!

Il Ponte di Rialto è indubbiamente una delle tappe da inserire nella vostra visita di Venezia… magari accompagnati da una guida turistica locale, che saprà coinvolgervi nella scoperta di questa splendida città mostrandovi anche i luoghi meno noti ed affollati!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Il Vetro a Venezia: un’Arte ineguagliabile

vetro2
Curiosità storiche

Eccoci tornati all’incredibile storia del vetro. L’ultima volta ci eravamo lasciati con un importante quesito: come arrivò il vetr...

Vedi

Campagna Lupia: Il Casone di Valle Zappa: l’Olanda in laguna

casone_valle_zappa
Opere e luoghi poco noti

Se vi capita di passare per Campagna Lupia, fate una piccola deviazione perché qui si nasconde un piccolo gioiello, un pezzetto di Ola...

Vedi

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

I post più letti

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Venezia: Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

isola_di_san_giorgio_maggiore
Opere e luoghi poco noti

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla sto...

Vedi

Treviso: La chiesa parrocchiale di San Silvestro a Selva del Montello

san-silvestro-montello
Opere e luoghi poco noti

Nella piccola frazione di Selva del Montello, in provincia di Treviso, vi è una chiesa parrocchiale che offre ai suoi visitatori opere...

Vedi

Vicenza: La leggenda dei Nani di Villa Valmarana a Vicenza

Villa_Valmarana_ai_Nani
Misteri & Leggende

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza è una delle ville più conosciute e visitate del Veneto soprattutto grazie agli affreschi di Gianba...

Vedi