Aneddoti & Curiosità

I bussolai, tipici biscotti pasquali di Burano

Tradizioni popolari
bussola

I bussolai, tipici biscotti pasquali di Burano

I ‘bussolai’ sono biscotti tipici della tradizione veneziana e derivano il loro nome dalla parola ‘busa’ che significa ‘buco’ a ricordare la loro forma a ciambella. Questi biscotti sono conosciuti anche con il nome di ‘buranelli’ perché sono stati creati proprio nell’isola di Burano.

L’origine dei bussolai è molto antica: è un dolce che veniva preparato e viene tutt’ora preparato in occasione delle festività di Pasqua: era usanza infatti, che le donne del posto, qualche giorno prima della festa, si recassero nei forni dei panifici o delle pasticcerie per far cuocere il l’impasto dei loro bussolai.

I buranelli presentano un impasto giallo, ricco di nutrienti. Gli ingredienti principali sono infatti, uova, farina, zucchero e burro. Si tratta quindi di un alimento ricco e sano e una volta cotti, questi buonissimi biscotti potevano durare a lungo nel tempo. Per questo motivo, in passato, in mancanza di una adeguata alimentazione, le mogli dei pescatori preparavano loro questi dolciumi per affrontare le lunghe giornate di pesca.

In aggiunta, il bussolà, se aromatizzato alla vaniglia o al rum o al limone, veniva avvolto nella biancheria per diffondere il suo gradevole profumo nei cassetti.

Il bussolà buranello può presentare altre forme oltre a quella tradizionale a ciambella: quella ad ‘esse’ o quella a bastoncino.

La nascita delle ‘Esse’ di Burano è tutta leggendaria: si racconta che tanto tempo fa, un ristoratore di Burano chiese a un fornaio locale di preparare dei dolci da poter offrire ai propri commensali da ammollare nel vin dolce perché il classico buranello era troppo grande per poterlo far entrare in un bicchiere. Allora il fornaio creò con lo stesso impasto del bussolà, dei biscotti a forma di ‘esse’, decisamente più comodi da ‘mogiar’ nel vin santo.

Non c’è niente di meglio che concludere un ricco pasto con un bel bicchiere di vin dolce e un buon bussolà! Visitate Venezia e le sue bellissime isole lagunari, in particolare Burano, patria del celebre biscotto, prenotando una delle nostre esperienze nelle isole veneziane!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi