Aneddoti & Curiosità

I castelli di Romeo e Giulietta a Montecchio Maggiore

Presenze illustri
castelli-giulietta-romeo

I castelli di Romeo e Giulietta a Montecchio Maggiore

In provincia di Vicenza, nella piccola cittadina di Montecchio Maggiore, vi sono due castelli che si guardano da due alture vicine… Secondo una leggenda diffusasi a metà Ottocento, Luigi da Porto, nello scrivere la sua Historia novellamente ritrovata - dalla quale William Shakespeare avrebbe tratto la tragedia Romeo e Giulietta - si sarebbe ispirato proprio a questi due castelli localizzati non lontano dalla sua villa di Montorso Vicentino. Oggi le due rocche vengono chiamate ‘i Castelli di Romeo e Giulietta’.

Luigi Da Porto, uomo d’armi e letterato vicentino (1485-1529), scrisse la novella nella sua dimora di Montorso Vicentino, dove si era ritirato dopo aver abbandonato la vita militare in seguito ad una grave ferita al volto riportata in battaglia. Dalle finestre della sua villa vedeva questi due castelli quasi in contrapposizione tra loro: questa immagine potrebbe essere stata di ispirazione all’ideazione della novella, anche tenendo conto dell’accostamento tra il nome di Montecchio e quello di Montecchi, attribuito dal Da Porto alla famiglia di Romeo.

La leggenda che attribuisce le due rocche alle famiglie veronesi dei Montecchi e dei Capuleti, facendone le dimore di Romeo e Giulietta, entrò con forza nel folclore popolare alla metà dell’Ottocento, cioè in pieno clima romantico, periodo in cui era molto sentito il fascino delle rovine medioevali, soprattutto se usate come ambientazione per vicende suggestive e affascinanti.

Nonostante i due castelli si trovino in provincia di Vicenza, è Verona la città dei due due sfortunati amanti... Se siete interessati a ripercorrere le loro vicende, uno dei percorsi proposti dal nostro Your Own Verona è proprio un tour alla scoperta dei luoghi di Giulietta e Romeo a Verona!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi