Aneddoti & Curiosità

I Giardini della Biennale di Venezia

Curiosità storiche
giardini-biennale

I Giardini della Biennale di Venezia

La famosa esposizione di arte contemporanea di Venezia - denominata la Biennale perché si svolge ogni due anni - ha sede nei Giardini Napoleonici nel sestiere di Castello.

L'origine del parco risale al 1807, quando Napoleone Bonaparte dispose che la città di Venezia fosse dotata di un'area adibita a verde pubblico; la progettazione fu affidata a all'architetto Giannantonio Selva, che per ottenere lo spazio necessario allo scopo fece abbattere gli antichi complessi monastici di San Domenico e di Sant'Antonio, con le macerie ottenute dalla demolizione si provvide a consolidare il terreno e a creare una collinetta sulla quale trovò posto un caffè; per quanto riguarda la scelta delle piante, ci si servì della collaborazione di Pietro Antonio Zorzi, pur con qualche difficoltà date le particolarità climatiche di Venezia.

Dal 1895 in quest'area si andarono a creare i padiglioni della Biennale che adesso sono più di 30, di altrettante nazioni partecipanti, che occupa un'area circa di 42 000 m², mentre il resto dei Giardini, 18 000 m², è rimasta adibita a giardino pubblico.

I giardini contengono una florida vegetazione e si organizzano perlopiù intorno a un viale centrale da cui si dipanano sentieri minori; all'interno dei Giardini vi sono numerosi monumenti, la maggior parte dei quali trovano posto nell'area adiacente al bacino di San Marco: vediamo il monumento a Giuseppe  Garibaldi, al patriota Pier Luigi Penzo, al sindaco Riccardo Selvatico che promosse la Biennale, a Richard Wagner, il grande compositore che morì a Ca' Vendramin Calergi,  al poeta Giosuè Carducci.

Per visitare i Giardini della Biennale, o altri celebri luoghi e monumenti di Venezia, con una visita guidata privata potrete richiedere la disponibilità di Francesca: la nostra esperta guida turistica, autrice di questa affascinante rubrica, vi accompagnerà alla scoperta di Venezia con un esclusivo itinerario costruito su misura per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Venezia: Cosa vedere a Burano?

burano
Opere e luoghi poco noti

L’isola di Burano è un vero e proprio spettacolo per gli occhi e una grande emozione per il cuore: ogni anno migliaia di turisti si ...

Vedi

Venezia: Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

isola_di_san_giorgio_maggiore
Opere e luoghi poco noti

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla sto...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Verona: La storia delle mura romane di Verona

porta-borsari
Curiosità storiche

Verona è sempre stata considerata una città di notevole importanza dal punto di vista militare: trovandosi allo sbocco della Valle de...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi