Aneddoti & Curiosità

I Giardini della Biennale di Venezia

Curiosità storiche
giardini-biennale

I Giardini della Biennale di Venezia

La famosa esposizione di arte contemporanea di Venezia - denominata la Biennale perché si svolge ogni due anni - ha sede nei Giardini Napoleonici nel sestiere di Castello.

L'origine del parco risale al 1807, quando Napoleone Bonaparte dispose che la città di Venezia fosse dotata di un'area adibita a verde pubblico; la progettazione fu affidata a all'architetto Giannantonio Selva, che per ottenere lo spazio necessario allo scopo fece abbattere gli antichi complessi monastici di San Domenico e di Sant'Antonio, con le macerie ottenute dalla demolizione si provvide a consolidare il terreno e a creare una collinetta sulla quale trovò posto un caffè; per quanto riguarda la scelta delle piante, ci si servì della collaborazione di Pietro Antonio Zorzi, pur con qualche difficoltà date le particolarità climatiche di Venezia.

Dal 1895 in quest'area si andarono a creare i padiglioni della Biennale che adesso sono più di 30, di altrettante nazioni partecipanti, che occupa un'area circa di 42 000 m², mentre il resto dei Giardini, 18 000 m², è rimasta adibita a giardino pubblico.

I giardini contengono una florida vegetazione e si organizzano perlopiù intorno a un viale centrale da cui si dipanano sentieri minori; all'interno dei Giardini vi sono numerosi monumenti, la maggior parte dei quali trovano posto nell'area adiacente al bacino di San Marco: vediamo il monumento a Giuseppe  Garibaldi, al patriota Pier Luigi Penzo, al sindaco Riccardo Selvatico che promosse la Biennale, a Richard Wagner, il grande compositore che morì a Ca' Vendramin Calergi,  al poeta Giosuè Carducci.

Per visitare i Giardini della Biennale, o altri celebri luoghi e monumenti di Venezia, con una visita guidata privata potrete richiedere la disponibilità di Francesca: la nostra esperta guida turistica, autrice di questa affascinante rubrica, vi accompagnerà alla scoperta di Venezia con un esclusivo itinerario costruito su misura per voi!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi