Aneddoti & Curiosità

I graffiti degli antichi mercanti nel Fontego dei Tedeschi a Venezia

Curiosità storiche
Fondaco_dei_Tedeschi

I graffiti degli antichi mercanti nel Fontego dei Tedeschi a Venezia

Ogni palazzo che sorge lungo il Canal Grande ha una curiosità o un mistero da svelare...

Dopo essere stato per circa due secoli il palazzo delle Poste, il Fontego dei Tedeschi è stato da poco riaperto in seguito ad un lungo restauro che lo ha trasformato in un lussuoso centro commerciale.  

Il palazzo è stato costruito nel 1508, dopo che un grande incendio aveva distrutto l’edificio precedente. Inizialmente era destinato all’approdo e allo stoccaggio delle merci trasportate da mercanti tedeschi o fiamminghi... All’epoca la Repubblica era cosmopolita e tutti i mercanti stranieri erano i benvenuti, ma sempre tenuti sotto stretto controllo da parte delle autorità!

All’interno della struttura, salendo al primo piano, è possibile trovare numerose iscrizioni, monogrammi e simboli mercantili incisi sui marmi delle balconate dai mercanti tedeschi: si tratta di oltre duecento testimonianze che ancora oggi rappresentano un esempio forse unico al mondo di marchi corporativi rinascimentali.

Anche la facciata che dà sul Canal Grande riserva delle sorprese, come le raffigurazioni di un doppio giglio e di una sorta di pentacolo formato in realtà da due mazze che si trovano sotto i davanzali delle finestre centrali. Si tratterebbe, secondo alcuni studiosi di stemmi legati ai fratelli Fugger, i banchieri tedeschi più prestigiosi nell’Europa del ‘500.

Siete interessati a scoprire altri curiosi dettagli sugli edifici di Venezia? Contattateci per organizzare un esclusivo tour privato con le nostre esperte guide!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi