Aneddoti & Curiosità

I Grifoni del pavimento della Basilica di San Marco a Venezia

Opere e luoghi poco noti
grifoni-san-marco

I Grifoni del pavimento della Basilica di San Marco a Venezia

Quando si entra per la prima volta nella Basilica di San Marco a Venezia non si può fare a meno di guardare in alto ed ammirare i 4000 mq di scintillanti mosaici che ricoprono le cupole e gli arconi del soffitto… Ma un osservatore attento noterà anche che sta camminando sopra un'incredibile opera d'arte, realizzata con fantastici marmi policromi.

Nel pavimento della Basilica di San Marco ci sono moltissimi intrecci geometrici ed animali, che hanno per lo più una funzione simbolica, come aquile (=saggezza divina), pavoni (=rinascita) ed aironi (sacrificio di Gesù Cristo).

Vi sono anche degli animali fantastici, i grifoni, che hanno il corpo di leone e la testa e le ali d'aquila. Secondo la mitologia, i grifoni facevano il nido vicino ai tesori e le loro uova erano d'oro.

Troviamo il grifone in moltissime culture antiche, come Babilonesi, Assiri e Persiani; nel Medioevo è presente in vari stemmi di famiglie nobiliari, in quanto gli erano attribuite innumerevoli virtù, soprattutto il coraggio, e nessun difetto; nelle chiese invece simboleggia il coraggio della Fede.

Anche nella cultura moderna il Grifone è tornato alla ribalta… Nei libri di J. K. Rowling Harry Potter, il piccolo mago che frequenta la scuola di Magia di Hogwarts, è membro della casa dei Grifondoro, considerati i maghi più coraggiosi!

 

La Basilica di San Marco a Venezia è aperta tutti i giorni con i seguenti orari:

Dal 1 novembre alla domenica di Pasqua

giorni feriali: 9.45 - 17.00 - domenica e festivi: 14.00 - 16.00

Dal lunedì di Pasquetta al 31 ottobre

giorni feriali: 9.45 - 17.00 - domenica e festivi: 14.00 - 17.00

Dal 1 aprile al 31 ottobre ti ricordiamo che è possibile prenotare l'ingresso skip-the-line ed evitare la lunga coda generalmente prevista all'entrata!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: La ruota degli Innocenti nel Monastero della Pietà a Venezia

ruota-innocenti
Opere e luoghi poco noti

A due passi da Piazza San Marco a Venezia, lungo la riva degli Schiavoni, si erge la grande chiesa neoclassica della Pietà. Qui, molto...

Vedi

Padova: Villa Grimani Calergi Valmarana a Noventa Padovana

villa-grimani-calergi-valmarana
Opere e luoghi poco noti

Il Veneto è sicuramente la regione delle Ville, splendidi luoghi di villeggiatura e ozio per i nobili veneziani. Non sempre le loro or...

Vedi

Venezia: Il Giardino segreto di Ca’ Morosini del giardin a Cannaregio

ca-morosini-del-giardin
Opere e luoghi poco noti

Venezia è una città magica per molti motivi, tra cui i suoi tanti giardini nascosti che pochi conoscono! Uno dei più segreti e sugge...

Vedi

Padova: Le collezioni del Convento di San Giovanni in Verdara a Padova

eremitani-padova
Opere e luoghi poco noti

Il museo più bello di Padova è sicuramente quello degli Eremitani creato nel 1895 per custodire le raccolte cittadine. Il primitivo n...

Vedi

I post più letti

Venezia: I graffiti degli antichi mercanti nel Fontego dei Tedeschi a Venezia

Fondaco_dei_Tedeschi
Curiosità storiche

Ogni palazzo che sorge lungo il Canal Grande ha una curiosità o un mistero da svelare... Dopo essere stato per circa due secoli il pal...

Vedi

Padova: Il museo di storia della medicina a Padova

Museo-di-storia-della-Medicina
Opere e luoghi poco noti

Se siete stanchi dei soliti musei pieni di quadri e sculture, potreste trovare interessante il museo di storia della medicina a Padova....

Vedi

Venezia: La porta del Convento dei Tolentini a Venezia disegnata da Carlo Scarpa

iuav-tolentini
Presenze illustri

Nei pressi di Piazzale Roma si trova l'imponente chiesa dei Tolentini, costruita da Vincenzo Scamozzi nel corso del XVI secolo e termin...

Vedi

Venezia: Il fantasma della moglie cinese di Marco Polo

corte-milion-venezia
Misteri & Leggende

Narra la leggenda che, durante il suo soggiorno in Cina, il famoso mercante veneziano Marco Polo si fosse innamorato di una delle figli...

Vedi