Carnevale era l'unico periodo dell'anno in cui era permesso il gioco d'azzardo. Era ...">
Aneddoti & Curiosità

Il Carnevale al Ridotto di San Moisè a Venezia

Curiosità storiche
Carnevale

Il Carnevale al Ridotto di San Moisè a Venezia

Ai tempi della Serenissima il Carnevale era l'unico periodo dell'anno in cui era permesso il gioco d'azzardo. Era ovviamente un'attività altamente remunerativa e quindi era gestita dallo stato, che aveva creato appositamente una sala da gioco, il Ridotto, nella zona della chiesa di San Moisè.

Il Ridotto era aperto solo per i mesi di Carnevale (da Natale alla Quaresima), e vi si poteva entrare solo mascherati, tranne i croupier che erano stipendiati dallo stato; di solito si trattava di Barnabotti (perché abitavano nella parrocchia di San Barnaba), cioè i nobili impoveriti.

Nel 1774 il Consiglio dei Dieci decretò la chiusura del Ridotto di San Moisè per motivi morali, la sala infatti era frequentata da usurai e prostitute, come si può vedere in questo splendido dipinto di Francesco Guardi (1746), conservato al Museo di Cà Rezzonico, dove si vede una donna al centro del dipinto con un fuso in mano, attributo tipico delle prostitute, che sta cercando di adescare un potenziale cliente. Le carte per terra sottolineano la frenesia del gioco e quindi il quadro del Guardi ci spiega chiaramente perché il Consiglio dei Dieci decise di chiudere questo “luogo di perdizione”!

Se volete provare l'esperienza di un Carnevale al Ridotto, vi consigliamo Minuetto al Ridotto , l'elegante festa in maschera che si tiene ogni anno nella splendida sala del ridotto dell'Hotel Monaco&Gran Canal di Venezia! Cena e balli di gruppo del carnevale veneziano fino a notte fonda... Chiaramente tutto rigorosamente in costume storico!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: La casa del cammello nel Sestiere di Cannaregio

palazzo-mastelli
Curiosità storiche

Se fate un giro nel Sestiere di Cannaregio potreste imbattervi in un cammello, ovviamente non in un cammello in carne ed ossa, ma raffi...

Vedi

Venezia: I bussolai, tipici biscotti pasquali di Burano

bussola
Tradizioni popolari

I ‘bussolai’ sono biscotti tipici della tradizione veneziana e derivano il loro nome dalla parola ‘busa’ che significa ‘buco...

Vedi

Venezia: Le tradizioni di Pasqua nella Venezia della Serenissima

pasqua-serenissima
Tradizioni popolari

La Pasqua è una delle feste più importanti per il Cristianesimo poiché commemora la Resurrezione di Gesù Cristo. Nel corso dei seco...

Vedi

Padova: I Vizi e le Virtù secondo Giotto nella Cappella degli Scrovegni

Carità-e-Invidia
Curiosità storiche

La Cappella degli Scrovegni a Padova racchiude uno dei capolavori più significativi di tutti i tempi: il grande ciclo di affreschi di ...

Vedi

I post più letti

Venezia: I dipinti di Tiziano nella Sacrestia della Basilica della Salute

tiziano-salute-venezia
Presenze illustri

La chiesa della Salute è uno dei luoghi religiosi più importanti di Venezia… è stata eretta per ricordate la fine della terribile ...

Vedi

Padova: L’antico cimitero ebraico di Padova in via Weil

cimitero-ebraico-padova
Curiosità storiche

Padova vanta una delle università più antiche del mondo, fondata nel 1222 e aperta a tutti. Tra il Duecento e il Trecento, i cittadin...

Vedi

Vicenza: La leggenda dei Nani di Villa Valmarana a Vicenza

Villa_Valmarana_ai_Nani
Misteri & Leggende

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza è una delle ville più conosciute e visitate del Veneto soprattutto grazie agli affreschi di Gianba...

Vedi

Vicenza: Il criptoportico di Piazza Duomo a Vicenza

criptoportico_vicenza
Opere e luoghi poco noti

Vicenza è famosa in tutto il mondo per i suoi monumenti cinquecenteschi, patrimonio dell’Unesco opera del grande architetto Andrea P...

Vedi