Aneddoti & Curiosità

Il convento Domenicano della Santa Corona a Vicenza

Opere e luoghi poco noti
convento-santa-corona

Il convento Domenicano della Santa Corona a Vicenza

Nel centro di Vicenza sorge il gran complesso domenicano della Santa Corona, fondato negli anni sessanta del Duecento per ospitare la preziosa reliquia della Santa Spina, donata al vescovo di Vicenza Bartolomeo da Breganze (1259-70) dal re di Francia Luigi IX.

Il convento era costituito da due edifici e due chiostri.

Al lato settentrionale della chiesa è addossato il chiostro minore del XVII secolo con accanto l’edificio che un tempo ospitava la biblioteca, eretta tra il 1496 e il 1502 su probabile disegno di Rocco da Vicenza: oggi, purtroppo, l’area è inutilizzata a causa dei bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale.

L’antica biblioteca separa il chiostro piccolo da un secondo chiostro di maggiori dimensioni, eretto nella seconda metà del Quattrocento, che presenta colonne in pietra di Vicenza ornate di capitelli gotici quattrocenteschi. L’architetto Francesco Muttoni, studioso di Andrea Palladio, progettò la loggia e la facciata occidentale in stile classico.

Fino alla fine della Repubblica di Venezia questo convento fu anche sede dell’Ufficio dell’Inquisizione, poi, durante la dominazione francese, l’antico convento fu adibito a collegio comunale; in seguito accolse un ospedale militare austriaco e successivamente alcune scuole (1867). Gli interventi successivi hanno portato alla realizzazione dell’attuale facciata con triplice ingresso di ordine ionico.

L’edificio rimase sede scolastica fino al 1962; nel 1987, l’intero complesso venne destinato a sede museale e furono avviati i primi interventi di restauro. Il Museo Naturalistico Archeologico è stato inaugurato solo nel settembre del 1991.

Su richiesta, il complesso di Santa Corona può essere incluso nel nostro Your Own Vicenza, la visita guidata privata di Vicenza interamente personalizzabile in base alle vostre esigenze!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi