Aneddoti & Curiosità

Il convento Domenicano della Santa Corona a Vicenza

Opere e luoghi poco noti
convento-santa-corona

Il convento Domenicano della Santa Corona a Vicenza

Nel centro di Vicenza sorge il gran complesso domenicano della Santa Corona, fondato negli anni sessanta del Duecento per ospitare la preziosa reliquia della Santa Spina, donata al vescovo di Vicenza Bartolomeo da Breganze (1259-70) dal re di Francia Luigi IX.

Il convento era costituito da due edifici e due chiostri.

Al lato settentrionale della chiesa è addossato il chiostro minore del XVII secolo con accanto l’edificio che un tempo ospitava la biblioteca, eretta tra il 1496 e il 1502 su probabile disegno di Rocco da Vicenza: oggi, purtroppo, l’area è inutilizzata a causa dei bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale.

L’antica biblioteca separa il chiostro piccolo da un secondo chiostro di maggiori dimensioni, eretto nella seconda metà del Quattrocento, che presenta colonne in pietra di Vicenza ornate di capitelli gotici quattrocenteschi. L’architetto Francesco Muttoni, studioso di Andrea Palladio, progettò la loggia e la facciata occidentale in stile classico.

Fino alla fine della Repubblica di Venezia questo convento fu anche sede dell’Ufficio dell’Inquisizione, poi, durante la dominazione francese, l’antico convento fu adibito a collegio comunale; in seguito accolse un ospedale militare austriaco e successivamente alcune scuole (1867). Gli interventi successivi hanno portato alla realizzazione dell’attuale facciata con triplice ingresso di ordine ionico.

L’edificio rimase sede scolastica fino al 1962; nel 1987, l’intero complesso venne destinato a sede museale e furono avviati i primi interventi di restauro. Il Museo Naturalistico Archeologico è stato inaugurato solo nel settembre del 1991.

Su richiesta, il complesso di Santa Corona può essere incluso nel nostro Your Own Vicenza, la visita guidata privata di Vicenza interamente personalizzabile in base alle vostre esigenze!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi