Aneddoti & Curiosità

Il convento Domenicano della Santa Corona a Vicenza

Opere e luoghi poco noti
convento-santa-corona

Il convento Domenicano della Santa Corona a Vicenza

Nel centro di Vicenza sorge il gran complesso domenicano della Santa Corona, fondato negli anni sessanta del Duecento per ospitare la preziosa reliquia della Santa Spina, donata al vescovo di Vicenza Bartolomeo da Breganze (1259-70) dal re di Francia Luigi IX.

Il convento era costituito da due edifici e due chiostri.

Al lato settentrionale della chiesa è addossato il chiostro minore del XVII secolo con accanto l’edificio che un tempo ospitava la biblioteca, eretta tra il 1496 e il 1502 su probabile disegno di Rocco da Vicenza: oggi, purtroppo, l’area è inutilizzata a causa dei bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale.

L’antica biblioteca separa il chiostro piccolo da un secondo chiostro di maggiori dimensioni, eretto nella seconda metà del Quattrocento, che presenta colonne in pietra di Vicenza ornate di capitelli gotici quattrocenteschi. L’architetto Francesco Muttoni, studioso di Andrea Palladio, progettò la loggia e la facciata occidentale in stile classico.

Fino alla fine della Repubblica di Venezia questo convento fu anche sede dell’Ufficio dell’Inquisizione, poi, durante la dominazione francese, l’antico convento fu adibito a collegio comunale; in seguito accolse un ospedale militare austriaco e successivamente alcune scuole (1867). Gli interventi successivi hanno portato alla realizzazione dell’attuale facciata con triplice ingresso di ordine ionico.

L’edificio rimase sede scolastica fino al 1962; nel 1987, l’intero complesso venne destinato a sede museale e furono avviati i primi interventi di restauro. Il Museo Naturalistico Archeologico è stato inaugurato solo nel settembre del 1991.

Su richiesta, il complesso di Santa Corona può essere incluso nel nostro Your Own Vicenza, la visita guidata privata di Vicenza interamente personalizzabile in base alle vostre esigenze!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Padova: Jacopo Marcello, il Capitano da Mar che non doveva morire

ca-marcello
Presenze illustri

Ca’ Marcello a Piombino Dese (PD) è una stupenda villa veneta settecentesca… Ancora oggi, è abitata dai Conti Marcello, nobile fa...

Vedi

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

I post più letti

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi

Treviso: Castelbrando a Cison di Valmarino

castelbrando
Opere e luoghi poco noti

La provincia di Treviso offre ai suoi visitatori moltissimi luoghi pieni di storia e ricchi di fascino… Uno di questi è sicuramente ...

Vedi

Venezia: La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Tomba_Canova
Misteri & Leggende

Quando si visita la splendida basilica dei Frari a Venezia ci si trova davanti ad una piramide… Cosa ci fa una struttura come questa ...

Vedi

Venezia: L'imperatrice Sissi a Venezia

Sissi
Presenze illustri

L'imperatrice Sissi (1837-18989), moglie dell'imperatore d' Austria Francesco Giuseppe d'Asburgo, è rimasta nell'immaginario collettiv...

Vedi