Aneddoti & Curiosità

Il drappo nero nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Venezia

Curiosità storiche
Drappo_Nero

Il drappo nero nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Venezia

La Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale è uno dei luoghi più visitati di Venezia. In essa possiamo conoscere la storia della città e ammirarne l'antica potenza.

Questa Sala istituzionale però racconta anche i lati più oscuri della storia dell'antica Repubblica. Se osserviamo infatti i ritratti dei Dogi che corrono sotto al soffitto per tutto il perimetro della Sala, noteremo che uno dei volti è coperto da un drappo nero. Sotto di esso si nasconde il ritratto del Doge Marino Falier, così celato perché si macchiò di un terribile delitto: provò ad instaurare una dittatura personale.

Marino Falier divenne doge nel 1354 e poco dopo ordì una congiura con altri nobili della città per creare una signoria ereditaria e sovvertire gli ordinamenti repubblicani. Il complotto fu scoperto e i cospiratori, tra cui lo stesso doge, furono arrestati, interrogati, condannati a morte per alto tradimento e decapitati davanti al Palazzo Ducale il 15 aprile 1355.

L'aristocrazia veneziana non volle che questa lezione andasse perduta e così venne deciso che ogni anno si festeggiasse il giorno di sant'Isidoro (16 aprile), in cui Marino Falier era stato condannato a morte. Inoltre un decreto fece cancellare l'effigie di Falier nella sala del Maggior Consiglio, in cui si allineavano i ritratti dei dogi, e in quello stesso spazio fece apporre questa iscrizione: ‘Hic fuit locus ser Marini Faletri, decapitati pro crimine proditionis', ossia ‘Questo era il posto di Marin Falier, decapitato per tradimento'.

La leggenda vuole che il fantasma del doge traditore vaghi ancora oggi senza pace in campo Santi Giovanni e Paolo, dove si trova la chiesa in cui sono sepolti molti dogi, proprio perché a lui fu negato tale onore.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Venezia: Cosa vedere a Burano?

burano
Opere e luoghi poco noti

L’isola di Burano è un vero e proprio spettacolo per gli occhi e una grande emozione per il cuore: ogni anno migliaia di turisti si ...

Vedi

Venezia: Alla scoperta dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, cosa vedere e come raggiungerla

isola_di_san_giorgio_maggiore
Opere e luoghi poco noti

A qualcuno di voi sarà forse capitato, in viaggio a Venezia, di fotografare il meraviglioso panorama che si staglia di fronte alla sto...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Verona: La storia delle mura romane di Verona

porta-borsari
Curiosità storiche

Verona è sempre stata considerata una città di notevole importanza dal punto di vista militare: trovandosi allo sbocco della Valle de...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi