Aneddoti & Curiosità

Il drappo nero nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Venezia

Curiosità storiche
Drappo_Nero

Il drappo nero nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Venezia

La Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale è uno dei luoghi più visitati di Venezia. In essa possiamo conoscere la storia della città e ammirarne l'antica potenza.

Questa Sala istituzionale però racconta anche i lati più oscuri della storia dell'antica Repubblica. Se osserviamo infatti i ritratti dei Dogi che corrono sotto al soffitto per tutto il perimetro della Sala, noteremo che uno dei volti è coperto da un drappo nero. Sotto di esso si nasconde il ritratto del Doge Marino Falier, così celato perché si macchiò di un terribile delitto: provò ad instaurare una dittatura personale.

Marino Falier divenne doge nel 1354 e poco dopo ordì una congiura con altri nobili della città per creare una signoria ereditaria e sovvertire gli ordinamenti repubblicani. Il complotto fu scoperto e i cospiratori, tra cui lo stesso doge, furono arrestati, interrogati, condannati a morte per alto tradimento e decapitati davanti al Palazzo Ducale il 15 aprile 1355.

L'aristocrazia veneziana non volle che questa lezione andasse perduta e così venne deciso che ogni anno si festeggiasse il giorno di sant'Isidoro (16 aprile), in cui Marino Falier era stato condannato a morte. Inoltre un decreto fece cancellare l'effigie di Falier nella sala del Maggior Consiglio, in cui si allineavano i ritratti dei dogi, e in quello stesso spazio fece apporre questa iscrizione: ‘Hic fuit locus ser Marini Faletri, decapitati pro crimine proditionis', ossia ‘Questo era il posto di Marin Falier, decapitato per tradimento'.

La leggenda vuole che il fantasma del doge traditore vaghi ancora oggi senza pace in campo Santi Giovanni e Paolo, dove si trova la chiesa in cui sono sepolti molti dogi, proprio perché a lui fu negato tale onore.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Padova: Jacopo Marcello, il Capitano da Mar che non doveva morire

ca-marcello
Presenze illustri

Ca’ Marcello a Piombino Dese (PD) è una stupenda villa veneta settecentesca… Ancora oggi, è abitata dai Conti Marcello, nobile fa...

Vedi

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

I post più letti

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi

Treviso: Castelbrando a Cison di Valmarino

castelbrando
Opere e luoghi poco noti

La provincia di Treviso offre ai suoi visitatori moltissimi luoghi pieni di storia e ricchi di fascino… Uno di questi è sicuramente ...

Vedi

Venezia: La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Tomba_Canova
Misteri & Leggende

Quando si visita la splendida basilica dei Frari a Venezia ci si trova davanti ad una piramide… Cosa ci fa una struttura come questa ...

Vedi

Venezia: L'imperatrice Sissi a Venezia

Sissi
Presenze illustri

L'imperatrice Sissi (1837-18989), moglie dell'imperatore d' Austria Francesco Giuseppe d'Asburgo, è rimasta nell'immaginario collettiv...

Vedi