Aneddoti & Curiosità

Il fantasma di Bianca di Collalto

Misteri & Leggende
castello-collalto

Il fantasma di Bianca di Collalto

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata al castello di Collalto, vicino a Pieve di Soligo, in provincia di Treviso!

Prima che la Repubblica di Venezia conquistasse la terraferma veneta, diverse famiglie si contendevano il potere. Nella marca trevigiana, da secoli, erano in guerra due famiglie di origine longobarda: i da Camino di Ceneda e i Conti di Collalto di Treviso. Dopo molto tempo decisero di porre fine alla loro rivalità e suggellarono la pace con un matrimonio, Tolberto di Collalto sposò Chiara da Camino.

Chiara era morbosamente gelosa e sospettosa verso il marito, tanto che lui, infine, preferì partire per la guerra pur di non rimanere in casa con lei. Quando andò a salutare la moglie, lei si stava facendo pettinare da una serva, Bianca, che era cresciuta con il conte come una sorella… Guardando il conte partire l’ancella pianse, mandando Chiara su tutte le furie e, nonostante Bianca giurasse di non aver mai avuto alcuna relazione amorosa con Tolberto, la contessa la fece murare viva in una torre. Al ritorno dalla guerra, il conte venne a conoscenza della cosa e cacciò la moglie dal castello.

Molto legata alla famiglia, Bianca non ha mai abbandonato i Collalto e continua ad apparire alla famiglia come fantasma per annunciare un lieto evento o una grande sciagura. Coloro che affermano di aver visto il fantasma dicono che Bianca sia solita mostrarsi vestita di bianco per le liete novelle e con un velo nero davanti al volto per annunciare una sventura.

Consulta la nostra rubrica, sezione ‘Misteri & Leggende’, per trovare altri affascinanti e spaventosi aneddoti sul Veneto!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi