Aneddoti & Curiosità

Il Giardino Giusti e il cipresso di Goethe

Opere e luoghi poco noti
giardino-giusti

Il Giardino Giusti e il cipresso di Goethe

Non è un caso se l’Italia viene definita come ‘il paese dei giardini’… Ogni città, borgo o paesino ha un giardino, magari con una storia secolare nella quale le bellezze della natura si fondono con quelle storico- artistiche.

Questi nostri giardini non smettono mai di affascinare… Visitatori da ogni parte del mondo vengono ad ammirarli, ma anche nel passato furono meta di illustri viaggiatori.

A Verona, per esempio, si trova il bellissimo Giardino Giusti, creato alla fine del 1300. Oggi si presenta nella struttura datagli nel 1570 da Agostino Giusti, Cavaliere della Repubblica Veneta e Gentiluomo del Granduca di Toscana.

Nel 1786 Wolfang Goethe lo visitò, rimanendo affascinato da un cipresso di oltre seicento anni che descrisse in maniera mirabile nel suo ‘Viaggio in Italia’ del 1817.

Il giardino si può dividere in varie zone: le più importanti sono quella occidentale e quella orientale.

Nella prima si trovano quattro aiuole quadrangolari, affiancate da un viale alberato. Nel primo quadrato si trova una vasca con una fontana dove sono scolpiti dei delfini; nel secondo una statua pagana raffigurante Minerva; nel terzo è presente una statua di Apollo mentre nel quarto quadrato, è possibile ammirare una delle statue più rilevanti del parco.

Nella seconda zona, quella orientale, ci sono soltanto due quadrati, speculari a quelli della zona occidentale. Nel primo quadrato, diviso in quattro aiuole triangolari, svetta al centro una piccola fontana in marmo rosso di Verona; il secondo invece è famoso per il labirinto di siepi, uno dei pochi ancora presenti in Veneto, ridisegnato da Luigi Trezza nel 1786.

Il Giardino Giusti è solo una delle tantissime attrazioni che la città di Giulietta e Romeo offre ai suoi visitatori… Scoprite come visitarle al meglio con le nostre proposte di tour e attività a Verona!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi