Aneddoti & Curiosità

Il gondoliere: il guerriero della laguna

Misteri & Leggende
gondoliere

Il gondoliere: il guerriero della laguna

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol remo, l’imbarcazione tradizionale di Venezia, la gondola. Tuttavia, il gondoliere non è solo questo: sotto la divisa a strisce bianche e blu si nasconde uno spirito guerriero che viene celebrato dallo stesso nome di questa antica professione. Sembra infatti, che il termine ‘gondoliere’ derivi da ‘gundu’ che assomiglia a ‘guntu’ che, in dialetto tedesco, significa appunto ‘guerriero’.

Ma cosa o chi combatte il coraggioso gondoliere?

Secondo la leggenda, nelle profondità della laguna veneziana vive un terribile mostro marino che teme solo i gondolieri: come San Giorgio che uccide il drago con la sua lancia, il gondoliere con il suo lungo remo rappresenta simbolicamente una minaccia per l’orribile creatura. Perciò la perpetua presenza di gondolieri che solcano la laguna fa si che il drago non affiori mai in superficie. A volte però, il drago manifesta tutta la sua frustrazione e rabbia emettendo potenti soffi che creano una spessa coltre di nebbia che avvolge Venezia.

Ma non solo i gondolieri combattono il grande drago della laguna! Non è casuale infatti, la presenza di un’isola chiamata San Giorgio Maggiore e del suo convento benedettino: le preghiere e i canti dei monaci hanno l’obiettivo di placare la furia del mostro che minaccia la città.

Anche il colore della città di Venezia, il rosso, vuole ricordare la vittoria di Venezia sul drago dell’eresia e dell’apostasia: il rosso ricorda il sangue del drago ucciso da San Giorgio che tinse non solo il mantello del Santo, ma anche tutta l'isola.

Ora non vi rimane che affidarvi all’impavidità del vostro gondoliere … chissà che durante uno dei nostri giri in gondola non possiate vedere le brillanti squame del drago appena sotto la superficie dell’acqua!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi