Aneddoti & Curiosità

Il modello di Barbacano nel sestiere di San Polo

Curiosità storiche
barbacane

Il modello di Barbacano nel sestiere di San Polo

Ogni tanto, passeggiando per le calli di Venezia, ci si imbatte in strutture lignee che sporgono dai palazzi: si tratta dei Barbacani.

Sono travature in legno utilizzate per sorreggere le strutture aggettanti degli edifici con lo scopo di guadagnare spazio – permettevano di allargare solo i piani superiori delle case - senza invadere le strette calli veneziane. In ambito militare, questo termine indicava una struttura di rinforzo nelle costruzioni militari.

L’etimologia della parola Barbacano è incerta: secondo alcuni deriverebbe dall’arabo b-al-baqàra, che significa ‘porta delle vacche’, termine usato per indicare una struttura che proteggeva il recinto dove si custodiva il bestiame, accanto alle mura principali.

In calle della Madonna, nei pressi del ponte di Rialto nel sestiere di San Polo, si può vedere infisso sul muro, e quasi nascosto tra le facciate delle case, un Barbacano di pietra d’Istria con un’incisione: PER LA IURISDICIOM DE BARBACANI. Si tratta del modello che serviva per la realizzazione di quelli di legno: le dimensioni dei Barbacani erano infatti rigorosamente stabilite dalle autorità veneziane per evitare abusi!

Venezia custodisce tracce del suo passato in ogni angolo del centro storico… Siete pronti a scoprirle? Prenotate subito una visita guidata privata con una delle nostre esperte guide locali e partite con lei per un’emozionante avventura!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi