Aneddoti & Curiosità

Il museo dell’aria nel castello di San Pelagio

Opere e luoghi poco noti
san-pelagio

Il museo dell’aria nel castello di San Pelagio

In provincia di Padova sorge il suggestivo castello di San Pelagio, costruito nel XIV secolo come avamposto militare dei signori di Padova, i da Carrara, e poi trasformato in villa dalla famiglia Zaborra.

Il complesso è composto da una torre trecentesca e da un corpo centrale con due barchesse, circondato da un vasto giardino con labirinto. La sua struttura attuale è il risultato della ristrutturazione avvenuta nel corso del Settecento ad opera della famiglia Zaborra, che lo trasformò in villa.

Nel 1918 fu sede della Squadra ‘La Serenissima’ che compì il volo su Vienna al comando di Gabriele D’Annunzio. Da qui, la compagnia sorvolò la capitale dell’impero austro-ungarico lanciando migliaia di manifestini tricolori contenenti una provocatoria esortazione alla resa e a porre fine alle belligeranze.

Dal 1970 la villa è stata oggetto di accurati restauri e ripensata per le funzioni attuali, principalmente come Museo del Volo. Inaugurato nel 1980, e frutto dell’impegno della proprietà e di Maria Fede Caproni, il museo ripercorre l’intera storia del volo umano facendo perno sull’impresa dannunziana; a tale volo è dedicata la parte principale del museo con le stanze abitate dal poeta nel periodo 1917-1919. Fanno da ‘contorno’ le sale dedicate a Leonardo, ai Montgolfier, ai Wright, a Ferrarin, a Lindbergh, a Nobile, a Balbo, a Forlanini, a Gagarin e Armstrong… Oltre 30 sale per ripercorrere la più straordinaria impresa umana: il volo!

Se siete interessati alle residenze del passato, oltre al Castello di San Pelagio la provincia di Padova accoglie un altro splendido castello, quello del Catajo, visitabile con la nostra nuova visita guidata interattiva Il mistero dell’amuleto.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi