Aneddoti & Curiosità

'Il Paradiso' di Jacopo Tintoretto a Palazzo Ducale

Curiosità storiche
paradiso-tintoretto

'Il Paradiso' di Jacopo Tintoretto a Palazzo Ducale

Durante la visita a Palazzo Ducale, una delle sale che colpisce di più è sicuramente quella del Maggior Consiglio, simbolo stesso della millenaria Serenissima Repubblica di Venezia.

Sulla parete orientale dell’immensa e sontuosa sala è addossata un’ampia piattaforma lignea su cui poggiano gli stalli dove prendevano posto il doge e i suoi consiglieri. Almeno fino oltre la metà del secolo XVI, al di sopra di questa tribuna trovava posto un immenso affresco che occupava tutta la parete, comunemente noto come il Paradiso e raffigurante l’Incoronazione della Vergine davanti alle gerarchie celesti. L’opera era stata eseguita verso il 1365 dal più famoso artista dell’epoca in questa zona, il padovano Guariento (attivo tra il 1338 e il 1367).

Danneggiato dal tempo e quasi completamente distrutto dal grave incendio scoppiato in quest’area del palazzo nel 1577, il governo bandì un concorso per realizzare una nuova opera, a cui partecipano vari artisti. Curiosamente, la gara fu assegnata non ad uno ma a due artisti, Paolo Veronese e Francesco Bassano, che avrebbero dovuto lavorare insieme. Nel 1588, alla morte improvvisa del Veronese, l’opera non era ancora stata realizzata, probabilmente per le profonde diversità tra i due artisti. L’incarico venne quindi affidato al Tintoretto, che vi lavorò, con il preponderante aiuto del figlio Domenico, tra il 1588 e il 1592.

Nella composizione dell’immensa tela - larga 22 metri e alta 7 – la Signoria chiese che nella rappresentazione del Paradiso fosse illusionisticamente inclusa anche la tribuna su cui sedeva il doge, con una diretta simmetria verticale tra la divinità, e la luce che da essa irradia, e il capo dello stato nelle sue funzioni posto tra i beati, le gerarchie angeliche e gli eletti che partecipavano all’assemblea veneziana.

Le opere del Tintoretto sono disseminate per l'intero centro storico veneziano... Scoprile grazie alle inedite visite guidate proposte nel nostro portale, tutte ideate in collaborazione con Francesca, la brillante guida turistica che cura anche questa rubrica!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi