Aneddoti & Curiosità

Il salotto di Giuseppe Jappelli nel museo Querini Stampalia

Opere e luoghi poco noti
salotto-jappelli-querini

Il salotto di Giuseppe Jappelli nel museo Querini Stampalia

In una delle sale del museo della Fondazione Querini Stamapalia di Venezia sono conservati dei mobili molto particolari: si tratta del salotto in stile pompeiano che Caterina Querini Stampalia Polcastro commissionò nel 1830 all’architetto neoclassico, e amico di famiglia, Giuseppe Jappelli per la sua casa in campagna.

Caterina Querini - sorella di Giovanni, ultimo della famiglia e creatore della Fondazione - nell’Ottocento animò uno dei circoli culturali più vivaci e moderni di Venezia, frequentato da scrittori e artisti di fama internazionale come Stendhal e Antonio Canova.

Alla sua morte, nel 1870, il salotto fu trasferito nel palazzo di famiglia a Santa Maria Formosa e qui è ancora esposto.

Si tratta di mobilia in legno laccato nero a figure color noce, imbottito con panno blu, con raffigurazioni di amorini danzanti e musicanti dipinti. È composto da un divano a forma di gondola che poggia su quattro basi a serpenti intagliati, da un tavolo con piano in radica ed incastri di madreperla, dieci sedie, un rivestimento da caminetto e due vetrinette che, nella parte inferiore, riprendono la linea curva del divano, mentre in quella superiore recano decorazioni di metallo che riproducono capitelli corinzi.

Acquistate online il biglietto per il Museo Querini Stampalia e godetevi una visita dal fascino unico! Questa originale e ancora poco conosciuta istituzione veneziana vanta un armonioso connubio di antico e moderno, dove gli splendori della Serenissima trovano posto accanto a grandi firme dell’arte e dell’architettura contemporanea.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Acqua Alta: quando un fenomeno normale diventa tragico

Acqua-alta-a-Venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che il termine ‘Acqua Alta’ è un’espressione derivante dal dialetto veneziano con la quale gli abitanti definivano i...

Vedi

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

I post più letti

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Le origini dello Spritz

spritz-veneziano
Tradizioni popolari

Lo spritz, l’aperitivo tipico veneziano, è diventato al giorno d’oggi il cocktail simbolo dell’happy hour non solo in Italia, ma...

Vedi

Belluno: Il mistero del Pietrificatore di Sospirolo

pietrificatore
Misteri & Leggende

All’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti, in provincia di Belluno, vi è il piccolo paesino di Sospirolo. Qui è nato un person...

Vedi